Passa ai contenuti principali

La decima stagione di X-Files


La decima stagione di X-Files è andata in onda nel 2016 dopo un’interruzione di 14 anni dall'ultimo episodio della nona stagione (trasmessa, appunto, nel 2002). 
Nel frattempo al cinema sono approdati due film: nel 1998 X-Files - Il film (tra la quinta e la sesta stagione) e nel 2008 X-Files - Voglio crederci.

La decima stagione torna, forse non inaspettatamente, e ritrova i due agenti Fox Mulder (David Duchovny) e Dana Scully (Gillian Anderson) maturati ma non sconfitti o arresi.
Anzi, i due agenti sono pronti a riprendere in mano le indagini nel mondo del paranormale e dei complotti per tentare di dipanare quella matassa che era rimasta intatta anni prima, quando il loro ufficio era stato chiuso.

La stagione, a parte il terzo episodio del tutto fuori contesto, è compatta e può essere seguita non solo da coloro che hanno visto le stagioni precedenti, ma anche da chi, per la prima volta, si avvicina alla serie: ogni fatto precedente, infatti, viene ricordato e spiegato al telespettatore.

I sei episodi delle mini-serie (terzo escluso) raccontano soprattutto del peggior complotto che sia mai stato messo in opera ai danni dell’umanità da uomini senza scrupoli e assetati di potere che hanno utilizzato a loro esclusivo vantaggio la tecnologia avanzata di origine aliena di cui sono venuti in possesso.
Non mancano riferimenti alle vicende biografiche dei due protagonisti ed emerge la loro angoscia per la sorte del figlio avuto 15 anni prima e dato in adozione nel tentativo di salvarlo da coloro che stavano dando loro la caccia.
La serie, inoltre, è ben radicata nell'attualità: vi sono, infatti, anche attentati di natura terroristica di matrice islamista su cui indagare.

Ad affiancare nella lotta contro i cattivi i due storici protagonisti arrivano anche due nuovi agenti: l’agente Miller (Robbie Amell, già star della serie The Tomorrow People), profiler e appassionato di paranormale e l’agente Einstein (Lauren Ambrose), scienziata e scettica. 
In altre parole, due Fox e Dana giovani.

Il finale di stagione è mozzafiato e del tutto aperto.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.