Il coraggio di esserci

Green Book di Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali è un gran bel film che parla di razzismo, stereotipi, diritti civili e amicizia.
La pellicola racconta i due mesi di tournée nel profondo Sud degli Stati Uniti degli anni Sessanta del pianista e compositore Don Shirley che, temendo di subire ritorsioni da parte dei razzisti del luogo (essendo lui un uomo di colore), ingaggiò come autista (facente funzione di guardaspalle) l’italo-americano Frank Vallelonga (padre di uno degli sceneggiatori del film).
Durante il viaggio tra uno Stato e l’altro del profondo Sud degli U.S.A. i due uomini - benissimo interpretati da Mortensen (nel ruolo dell’italo-americano) e Ali (in quello del pianista) - imparano a conoscersi e tra loro nasce un’amicizia sincera in grado di durare negli anni.
Raccontando la loro storia, il film, tra le altre cose, mostra allo spettatore in modo plastico la differenza che passa tra lo stereotipo e il razzismo. Il primo è un’opinione frutto di pregiudizio che,…

La decima stagione di X-Files


La decima stagione di X-Files è andata in onda nel 2016 dopo un’interruzione di 14 anni dall'ultimo episodio della nona stagione (trasmessa, appunto, nel 2002). 
Nel frattempo al cinema sono approdati due film: nel 1998 X-Files - Il film (tra la quinta e la sesta stagione) e nel 2008 X-Files - Voglio crederci.

La decima stagione torna, forse non inaspettatamente, e ritrova i due agenti Fox Mulder (David Duchovny) e Dana Scully (Gillian Anderson) maturati ma non sconfitti o arresi.
Anzi, i due agenti sono pronti a riprendere in mano le indagini nel mondo del paranormale e dei complotti per tentare di dipanare quella matassa che era rimasta intatta anni prima, quando il loro ufficio era stato chiuso.

La stagione, a parte il terzo episodio del tutto fuori contesto, è compatta e può essere seguita non solo da coloro che hanno visto le stagioni precedenti, ma anche da chi, per la prima volta, si avvicina alla serie: ogni fatto precedente, infatti, viene ricordato e spiegato al telespettatore.

I sei episodi delle mini-serie (terzo escluso) raccontano soprattutto del peggior complotto che sia mai stato messo in opera ai danni dell’umanità da uomini senza scrupoli e assetati di potere che hanno utilizzato a loro esclusivo vantaggio la tecnologia avanzata di origine aliena di cui sono venuti in possesso.
Non mancano riferimenti alle vicende biografiche dei due protagonisti ed emerge la loro angoscia per la sorte del figlio avuto 15 anni prima e dato in adozione nel tentativo di salvarlo da coloro che stavano dando loro la caccia.
La serie, inoltre, è ben radicata nell'attualità: vi sono, infatti, anche attentati di natura terroristica di matrice islamista su cui indagare.

Ad affiancare nella lotta contro i cattivi i due storici protagonisti arrivano anche due nuovi agenti: l’agente Miller (Robbie Amell, già star della serie The Tomorrow People), profiler e appassionato di paranormale e l’agente Einstein (Lauren Ambrose), scienziata e scettica. 
In altre parole, due Fox e Dana giovani.

Il finale di stagione è mozzafiato e del tutto aperto.

Commenti