Il coraggio di esserci

Green Book di Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali è un gran bel film che parla di razzismo, stereotipi, diritti civili e amicizia.
La pellicola racconta i due mesi di tournée nel profondo Sud degli Stati Uniti degli anni Sessanta del pianista e compositore Don Shirley che, temendo di subire ritorsioni da parte dei razzisti del luogo (essendo lui un uomo di colore), ingaggiò come autista (facente funzione di guardaspalle) l’italo-americano Frank Vallelonga (padre di uno degli sceneggiatori del film).
Durante il viaggio tra uno Stato e l’altro del profondo Sud degli U.S.A. i due uomini - benissimo interpretati da Mortensen (nel ruolo dell’italo-americano) e Ali (in quello del pianista) - imparano a conoscersi e tra loro nasce un’amicizia sincera in grado di durare negli anni.
Raccontando la loro storia, il film, tra le altre cose, mostra allo spettatore in modo plastico la differenza che passa tra lo stereotipo e il razzismo. Il primo è un’opinione frutto di pregiudizio che,…

Il grande ritorno di Loredana Bertè


Già dopo il primo ascolto il nuovo disco di Loredana Bertè conquista il cuore di chi ascolta il rock d’abitudine e di chi (come chi scrive) segue la cantante da sempre.

LiBertè è trascinante sia perché ha un sound aggressivo ma contemporaneamente orecchiabile; sia per i testi che sono pieni di riferimenti a problemi sociali seri, all'attualità e alla biografia della Bertè; e sia (ultimo ma non ultimo) per la voce della Bertè, forse mai così “educata” (termine che sembra un’eresia riferito alla grande rockstar).

Gli autori sono molti e noti: oltre alla stessa Bertè, vanno ricordati almeno Ivano Fossati, Fabio Ilacqua, Gaetano Curreri e Maurizio Piccoli.
Tra le canzoni piace segnalare il grande successo estivo Non ti dico no cantato dalla Bertè assieme ai BoomDaBash; LiBertè; Maledetto Luna-park; Messaggio dalla Luna e Tutti in Paradiso.
Tutte le canzoni, comunque, sono davvero assai belle e contribuiscono al grande ritorno di Loredana Bertè.
Se ne consiglia l’acquisto e l’ascolto attento.

Commenti