Passa ai contenuti principali

Chi sei tu? | Il Ruy Blas de Il Mulino di Amleto

Barbara Mazzi e Yuri D'Agostino

Il Teatro Fontana di Milano ha ospitato in questi giorni la compagnia torinese Il Mulino di Amleto che ha portato in scena il Ruy Blas di Victor Hugo per la regia di Marco Lorenzi.
Uno spettacolo molto bello, recitato assai bene e con una regia intelligente e moderna.
Un gruppo di sei attori assai affiatato ha dato vita al Ruy Blas prendendosi delle licenze, ma rispettando in modo totale quella che è l’essenza del dramma di Hugo: un’indagine sull'identità.

Licenze che hanno fatto diventare lo spettacolo un lungo flash back esplicativo della scena finale; che hanno ridotto sensibilmente il numero dei personaggi; che hanno contratto il dramma riassumendo alcune scene e facendole narrare dagli attori stessi…

Licenze che hanno reso il Ruy Blas un’opera contemporanea al punto che, quando si parla della crisi economica e morale della Spagna del Seicento, si ha l’impressione che, in realtà, ci si stia riferendo all'Italia di oggi.

Yuri D'Agostino e Angelo Maria Tronca

In altre parole, l’operazione teatrale messa in atto dal regista e dai suoi attori ha reso un grande servigio all'autore: un classico parla ai contemporanei se il linguaggio con cui arriva loro è da loro pienamente comprensibile.
E il linguaggio scenico di Marco Lorenzi e dei suoi attori è assolutamente  comprensibile: immediato, contemporaneo, ma non privo di poesia e forza visiva (si veda, a titolo d’esempio, il momento in cui Ruy Blas, completamente nudo, impara a essere un altro e maneggia la spada mettendola nella bocca del suo padrone che si fida talmente del proprio servitore da imporgli il gesto).

Spettacolo, quello di Marco Lorenzi, che fa riflettere, ma, al contempo, diverte lo spettatore che, più di una volta, viene invitato a prendere direttamente parte all'azione scenica. 
E, considerato che gli spettatori (massimo 60 per sera) siedono sul palcoscenico stando a stretto contatto con gli attori, l’invito a partecipare all'azione viene percepito come spontaneo e, addirittura, necessario.
E, con l’entrata degli spettatori nel rettangolo dell’azione scenica, tra la Spagna raccontata da Hugo e l’Italia di oggi si crea un legame in più…

Se del regista si è fatto il nome, ora vanno nominati gli attori, tutti bravi (anzi bravissimi), tutti in parte (alcuni di loro impegnati anche in più di un ruolo, ma si ricorderà solo quello principale): Yuri D’Agostino (Ruy Blas); Francesco Gargiulo (Don Cesare); Barbara Mazzi (la Regina); Anna Montalenti (la duchessa); Alba Maria Porto (Casilda) e Angelo Maria Tronca (Don Sallustio).

Spettacolo da non mancare.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.