Passa ai contenuti principali

Le conseguenze della Narrazione

Scacco in quattro mosse di Stefano Mecca è un libro in cui la Narrazione, l’atto del Narrare, ha delle conseguenze a volte assolutamente imprevedibili.

Come nella prima delle quattro “mosse” (per usare una parola del titolo), in cui tutti i protagonisti della vicenda raccontano un efferato delitto e il loro narrare chiama altri delitti…

O come nell'ultimo racconto, un vero j’accuse contro la narrazione della società veicolata tramite le TV commerciali, che si trasforma in un atto d’amore filiale toccante e struggente.



I quattro racconti di Mecca sono il modo con cui l’Autore dà scacco al lettore narrando (e facendo narrare ai suoi personaggi) storie dal finale a sorpresa in cui non mancano continui colpi di scena che tengono viva l’attenzione e solleticano la curiosità del lettore.

Storie in cui - con un occhio a Kafka e uno a Beckett - i protagonisti sono spesso scambiati per altre persone. 
Confuse, cadono in confusione vivendo situazioni o compiendo quegli atti che ci si aspetta che i loro alter ego avrebbero compiuto.
Vivono vite non loro che la Narrazione di altri ha, in qualche maniera, imposto loro di vivere, trasformando i loro vissuti in qualcosa da raccontare.

Mecca ha una scrittura che risente del suo essere attore e direttore artistico di un teatro: ad esempio, i dialoghi sono ben congeniati, quasi pensati per essere pronunciati su un palcoscenico, e l’ultimo racconto, forse il più intenso della raccolta, potrebbe essere trasformato senza troppi sforzi in un monologo teatrale.

Scacco in quattro mosse è disponibile su Amazon.

Ti potrebbe anche interessare: La Narrazione secondo Mecca 

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.