Passa ai contenuti principali

Robert Doisneau | Il piacere di guardare



Fino al 28 gennaio 2018 al Broletto di Pavia è possibile visitare la mostra Robert Doisneau. Pescatore d’immagini curata dall’Atelier Robert Doisneau (Francine Deroudille e Annette Doisneau) con la collaborazione di  Piero Pozzi.


Doisneau (1912-1994) è senza dubbio uno dei fotografi più famosi del Novecento e al Broletto sono esposte 70 delle sue foto più note che ne ripercorrono la carriera e presentano ai visitatori i temi a lui più cari: la Parigi dei bambini, delle donne e degli uomini comuni, degli animali e di qualche noto artista e intellettuale.

Indubbio in Doisneau il piacere di guardare e di ritrarre le persone mentre guardano: i circa 450000 scatti ora conservati nell’Atelier Doisneau sono frutto di ore di “appostamento” del fotografo per le strade e le piazze parigine e diverse di tali fotografie mostrano persone nell'atto del guardare

Doisneau attendeva che il quotidiano si manifestasse in tutta la sua meraviglia (“Le meraviglie della vita quotidiana sono così eccitanti [... ]” ebbe a dire), per fissare per sempre azioni e istanti con scatti che sembrano “presi al volo”. 
In realtà, non sempre i suoi scatti immortalavano azioni casuali: a volte le persone ritratte venivano messe in posa. 
Successe anche per i celebri fidanzati del suo scatto più famoso: Il bacio dell’Hotel de Ville (1950). Il fotografo, infatti, chiese ai due giovani di mettersi in posa per lui. Ma il risultato ha il sapore di una foto rubata. Di un momento “preso al volo”.
Indubbiamente anche la foto che ritrae Pablo Picasso (I pani di Picasso, 1952) è studiata: l’effetto è ricercato e i panini posti sul tavolo diventano, nell'immagine, le mani del pittore.


Sembra, invece, del tutto casuale Un cane del Pont de Arts (del 1953) in cui si può vedere un passante che sbircia la tela di un pittore che sta ritraendo una modella seduta su una panchina (di cui in foto si vede solo un piede). Il cane del passante (che dà il titolo allo scatto) guarda il fotografo (ovviamente assente dall'immagine). Un moltiplicarsi di sguardi che dicono molto del piacere di guardare
Ma, forse, la foto che in mostra più rimanda a tale piacere di guardare è Creature da sogno (1952) in cui il fotografo ha messo al centro dell’immagine un maschio tatuato in canotta steso su un letto che, mentre fuma, guarda i manifesti attaccati alle pareti che riproducono immagini di donne discinte.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.