Passa ai contenuti principali

I capolavori di Caravaggio a Milano

Ci sono mostre che sono dei veri e propri eventi eccezionali che non si possono mancare. Uno di tali eventi è Dentro Caravaggio, mostra a cura di Rossella Vodret a Palazzo Reale di Milano fino al 28 gennaio 2018.

L’eccezionalità di tale esposizione è data da vari fattori. Due di essi valgono da soli a rendere l’idea: 
  • per la prima volta sono esposte contemporaneamente 20 opere di Caravaggio;
  • ogni opera è accompagnata da un video che mostra e spiega il lavoro eseguito dal Maestro per come si evince dagli esami scientifici effettuati con diverse tecniche di indagine (come le radiografie o la riflettografia IR).

Grazie al lavoro preparatorio in vista dell’esposizione milanese, si sono appresi i metodi di lavoro di Caravaggio: ad esempio, non è vero, come si è sempre creduto, che il Maestro non disegnava sulle tele; e, fatto ancora più importante, Caravaggio utilizzava una “preparazione” scura su cui dipingeva solo le parti in luce, lasciando prive di pittura il resto. Ovvero, non dipingeva l’intera figura, ma solo una parte di essa.
Gli studi documentari svolti in occasione dell’esposizione, inoltre, hanno aggiornato e cambiato la cronologia delle opere di Caravaggio.

Ma sicuramente per il visitatore comune il dato più importante tra quelli elencati finora è la contemporanea presenza a Palazzo Reale di 20 opere di Caravaggio.
Si tratta di capolavori assoluti provenienti dai più prestigiosi musei del mondo come, ad esempio:
  • la Giuditta che taglia la testa a Oloferne (1602), in cui Giuditta sembra investita da una luce “metafisica”; 
  • il Riposo durante la fuga in Egitto (1597), in cui l’angelo dipinto di spalle divide la scena, quasi allontanando Giuseppe dalla Madonna e dal Bambino; 
  • La buona ventura (1597), in cui, su uno sfondo neutro e luminoso, si svolge un raggiro ai danni di un damerino;
  • il Ragazzo morso dal ramarro (1597), probabile autoritratto di Caravaggio, in cui il ragazzo è preso da stupore e spavento per essere stato morso dal ramarro; 
  • S. Francesco in estasi (1598 circa), con l’angelo che sorregge il busto del santo semi-svenuto per terra; 
  • il San Giovanni Battista di Kansas City (1604 circa), con il giovane dall'aria incazzosa che forse è il Battista e, forse, non lo è; 
  • l’Incoronazione di spine (1604-1605 circa), in cui Cristo pare emanare una luce “metafisica”; 
  • e la Flagellazione di Cristo (1607), con il suo Cristo di strepitosa e statuaria bellezza.

Opere, quelle esposte a Palazzo Reale, che tolgono il respiro per quanto sono belle e che danno il via alla pittura moderna.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.