Passa ai contenuti principali

Blade runner 2049 | Strepitoso Ryan Gosling


Blade runner 2049 di Denis Villeneuve è semplicemente un capolavoro assoluto. 
Un film che resterà nella Storia del Cinema come uno dei più belli realizzati finora.

La vicenda è ambientata nel 2049, ossia 30 anni dopo il 2019 immaginato da Ridley Scott per il suo Blade runner, cult del 1982, ispirato al romanzo Do Androids Dream of Electric Sheep?, capolavoro del grande Philip K. Dick.
Ma per vedere Blade runner 2049 non è assolutamente necessario aver visto il primo film: la nuova trama si comprende e gusta indipendentemente dalla prima pellicola. 
Infatti, ciò che va saputo di quanto successo a partire dal 2019 in poi viene raccontato nel nuovo film.

Un lungometraggio, quello di Villeneuve, tutto incentrato su alcune domande “cardine” della nostra vita attuale e altre invece che, a causa del galoppante progresso bio-tecnologico, sono destinate relativamente presto a diventare di stringente attualità. 
Le due domande principali a cui tenta di dare una risposta il protagonista sono:
  • qual è il confine tra il reale e l’irreale; tra il biologico e il virtuale?
  • come si fa a sapere se si è nati oppure se si è stati creati?

Alla prima domanda pare che il protagonista risponda facendo dell’irreale realtà, annullando il confine tra virtuale e mondo biologico, trascinato dal suo amore per l’”ologramma” Joi.
La risposta alla seconda domanda, invece, è molto più complessa e impegna l’agente K per tutto il tempo del film, con finale (geniale) a sorpresa che non si ha alcuna intenzione di svelare qui.

Blade runner 2049 è un capolavoro grazie alla regia dai tempi serrati e dal gusto pittorico e onirico di Denis Villeneuve; grazie alla storia scritta da Hampton Fancher e Michael Green, partendo dai personaggi del romanzo di Dick; grazie agli attori, tutti assai ben scelti, tutti molto bravi.
Tra essi spicca e si impone il protagonista: Ryan Gosling (l’agente K) che è stato semplicemente strepitoso. 
Una interpretazione la sua che merita i più alti riconoscimenti in quanto Gosling è riuscito a rendere credibili esperienze e sentimenti a noi ancora del tutto ignoti, commuovendo e coinvolgendo lo spettatore.
Capeau!

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.