Passa ai contenuti principali

Un saggio in forma di romanzo

Uscito nel 2015 Numero zero è l’ultimo romanzo di Umberto Eco, deceduto l’anno seguente.
Si tratta di un’opera di narrativa godibilissima e di facile lettura in cui il grande romanziere racconta la storia di un nascente quotidiano di cui si devono preparare 12 numero zero in un anno.
Un giornale pensato per dare più di un pensiero a coloro che frequentano “il salotto buono della finanza” a beneficio dell’editore che, in quel salotto, vuole sedere.
In altre parole, il quotidiano ha come funzione principale quella di far nascere sospetti e lanciare occulte minacce, il tutto fingendo di voler raccontare i fatti senza guardare in faccia a nessuno.

Per preparare i numeri zero i giornalisti vengono invitati a pensare a delle “inchieste”. 
Uno di loro scava nella Storia e crede di aver scoperto che il passato non si è svolto come è stato raccontato. 
Secondo tale giornalista, Mussolini non sarebbe affato morto. Al suo posto sarebbe stato fucilato un sosia, mentre Mussolini sarebbe stato nascosto in Vaticano o/e in Argentina, in attesa di poter tornare al Governo…

Un romanzo che, dunque, ha due trame principali: quella che racconta la nascita di un quotidiano e quella nella quale si racconta della falsa morte di Mussolini. 

Come detto, il romanzo è godibilissimo di per sé. 
A parere di chi scrive, però, sotto il romanzo Eco ha nascosto un saggio sulla Comunicazione.
Un saggio nel quale si analizzano i meccanismi che vengono messi in atto per creare quella che viene comunemente definita “la macchina del fango”.
E, accanto a come si costruisce la “macchina del fango”, Eco dà una dimostrazione convincente di come “non esistano i fatti, ma solo le interpretazioni” (per dirla con Nietzsche) o, parafrasando, che non esiste la Storia, ma solo la Narrazione della Storia. 
Ovvero, della Storia esiste solo la sua Comunicazione: una versione dei fatti ufficiale che viene accettata come se fosse una realtà oggettiva.

Anche visto sotto l’ottica del saggio mascherato da romanzo, comunque, Numero zero di Eco resta una lettura godibilissima.

Leggi anche Il cimitero di Praga 

Numero zero è disponibile in Amazon 

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.