Passa ai contenuti principali

La personalità complessa di Sherlock Holmes

Il segno dei quattro del 1890 è il secondo romanzo di Arthur Conan Doyle con protagonista Sherlock Holmes
Esso, al suo primo apparire, ebbe enorme fortuna in Inghilterra e in America.
Oggi resta una piacevole lettura estiva, soprattutto per quanti vogliano conoscere più da vicino la personalità complessa del protagonista, già parzialmente descritta in Uno studio in rosso.

Il segno dei quattro inizia con la descrizione di come Holmes si inietti nell'avambraccio muscoloso una dose di cocaina. Una scena alla quale, da mesi, tre volte al giorno, il dottor Watson assiste con un senso di impotenza.
Una pratica, quella dell’assunzione di droghe, che Holmes giustifica affermando che gli stimola i processi cerebrali e l’aiuta a combattere la noia profonda in cui cade quando non ha casi da risolvere.

Oggi l’assunzione di droghe può sembrare un fatto assai lontano dalla razionalità, ma non era così alla fine dell’Ottocento. In quel periodo, infatti, non solo si riteneva che la cocaina non desse dipendenza, ma se ne esaltavano gli effetti terapeutici e stimolanti o, come faceva il cocainomane Sigmund Freud con parenti e amici, quelli ricostituenti.

L’uso della cocaina, quindi, pare in linea con l’esaltazione della razionalità fatta da Holmes. Una razionalità sposa della logica deduttiva di cui, a inizio di romanzo, Holmes dà una dimostrazione pratica all’amico.
Una razionalità che, secondo Holmes, non deve in alcun modo essere influenzata dai sentimenti o dall’emotività.

Il romanzo, poi, prosegue con l’ingaggio della coppia di amici da parte di una dolce signorina (di cui Watson finirà per innamorarsi, ricambiato) e dello sviluppo e risoluzione del caso.
Un caso che fa de Il segno dei quattro un romanzo a cavallo tra il genere poliziesco e quello di avventura e di memorie coloniali.

Vedendo all’opera Sherlock Holmes, il lettore trova, infine, conferma delle tante contraddizioni, manie e stranezze del personaggio già descritte nel primo romanzo.

Il segno dei quattro è disponibile in Amazon 

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.