Passa ai contenuti principali

Il fiuto di Verlaine

C’è una piccola antologia che ha fatto, forse più di altre, la storia della critica letteraria ed è I poeti maledetti di Paul Verlaine.
Si tratta di un’opera di critica scritta, si potrebbe dire, “in diretta”: i poeti di cui Verlaine, in veste di critico, analizza l’opera sono a lui contemporanei e, alcuni di loro, ancora vivi e attivi a livello poetico.

L’antologia ebbe due edizioni distinte: la prima del 1884 illustrava l’opera di Tristan Corbière, Arthur Rimbaud e Stéphane Mallarmé; mentre la seconda, del 1888, si allargava per aggiungere alle precedenti anche l’analisi dell’opera di Marceline Desbordes-Valmore, Villiers del’Isle-Adam e Pauvre Lelian (ossia Verlaine stesso).
Tale seconda versione è disponibile in Italia tradotta e curata da Tommaso Gurrieri ed edita da Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri.

Va detto che, forse, più che per le poesie che Verlaine seleziona e propone ai lettori, perlopiù inedite ai suoi tempi, oggi l’antologia è di sicuro interesse per il profilo critico che Verlaine traccia degli autori che presenta. 
Autori, si badi, praticamente sconosciuti ai più e di cui Verlaine parla come del meglio della produzione francese a lui contemporanea.
Una posizione audace la sua e, a tratti, provocatoria (e il titolo del volume lo testimonia).
Una selezione, quella di Verlaine, che, oltre alla grande generosità nei confronti dei colleghi poeti, mette in mostra l’incredibile “fiuto” editoriale del critico: ben quattro dei sei autori sconosciuti presentati da Verlaine sono, oggi, considerati tra i maggiori esponenti della letteratura francese. Si pensa a Verlaine stesso, ad Arthur Rimbaud, a Villiers del’Isle-Adam e a Stéphane Mallarmé.

E dei quattro poeti ora menzionati, i due profili critici più interessanti per il lettore odierno sono, molto probabilmente, quelli scritti da Verlaine per illustrare l’opera e la biografia di Rimbaud e di se stesso.
Dell’ex amante Verlaine traccia un ritratto carico di tenerezza e dà un giudizio critico che, agli occhi dei contemporanei, può essere suonato ai limiti dell’eccesso, dato che di Rimbaud non esisteva praticamente nulla di edito.
Di sé stesso, invece, Verlaine racconta l’infanzia beata e la sofferta adolescenza e dà giudizi critici comprensibilmente sottotono e, in parte, difensivi.

Un’antologia, I poeti maledetti, che, nonostante i quasi 130 anni trascorsi dalla sua pubblicazione, ha perso davvero poco della sua originaria freschezza.

___________

I poeti maledetti è disponibile in Amazon
___________

Sul rapporto tra Rimbaud e Verlaine si legga anche:


Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.