Passa ai contenuti principali

Ligabue e maschi alfa predatori

Fino al 18 giugno 2017 alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia è possibile visitare una bella mostra dedicata ad Antonio Ligabue, curata da Sandro Parmiggiani e Sergio Negri, con la collaborazione di Simona Bartolena.

L’esposizione si prefigge di dare un’immagine più veritiera dell’artista che vada oltre la frettolosa e fuorviante definizione di pittore naïf appioppata a Ligabue.
I curatori, infatti, hanno allestito un’esposizione che punta a far emergere un Ligabue “espressionista tragico”, capace di fondere gusto decorativo e visionarietà.
Ecco, allora, che osservando con attenzione i dipinti di Ligabue vi si legge una narrazione che va ben al di là della rappresentazione di un mondo fiabesco, poetico o magico (caratteristiche comuni, appunto, nella pittura naïf).

In Ligabue, invece, vi è la rappresentazione di una natura crudele, selvaggia, nella quale dominano i maschi alfa predatori
Una natura in cui si soffre, si muore o si infligge la morte se si vuole vivere.
Ad esempio, un animale come la volpe diventa predatore nel dipinto del 1948 La volpe in fuga (nel quale regge nelle fauci una gallina) e preda nel dipinto Aquila con volpe (1949-1950) nel quale è artigliato dal rapace.

In un mondo in cui il maschio è predatore, non stupisce, allora, il dipinto Gorilla con donna (1957-1958) nel quale una donna inerte, sanguinante e seminuda è diventata preda di due gorilla. 
Non è certo una scena fiabesca… come non lo è Gatto con topo (1956-1957), dipinto nel quale il felino azzanna il roditore.
Nei dipinti di Ligabue ci si trova, quindi, di fronte alla rappresentazione di una dura realtà, dominata da una natura che non fa sconti a nessuno e in cui si sopravvive solo se si riesce a dare la morte.

Anche nei molti autoritratti di Ligabue si è in presenza di un mondo di sofferenza. La sofferenza vissuta in prima persona dall’artista che soffrì di turbe psichiche e di una fisicità da maschio beta.
Una sofferenza indagata e mostrata in modo impudico da Ligabue che non risparmia allo spettatore la visione delle ferite autoinflitte e il naso rotto da un pugno infertogli da un maschio alfa prezzolato e ringraziato dal pittore per il pugno ben assestato.


Una mostra, dunque, quella pavese, da vedere con attenzione per farsi un’idea ben diversa da quella di Liguabue pittore naïf.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.