La vita peccaminosa di Caravaggio

Tutti i miei peccati sono mortali di Giuliano Capecelatro edito nel 2010 da il Saggiatore è un saggio su Caravaggio che ha molto del romanzo. In esso, infatti, l’Autore narra la vita e le opere di Caravaggio facendo diventare il pittore un vero e proprio personaggio: ne narra non solo le azioni, ma anche i pensieri, i sentimenti, le paure, gli stati d’animo e le intenzioni.
Per calarsi nella mente del grande Maestro il saggista parte dai rari dati documentali (verbali di tribunale; diari di committenti e mercanti d’arte; note biografiche redatte da pittori contemporanei) e dai capolavori dipinti e traccia un convincente profilo psicologico. Ne esce la figura di un uomo tormentato; dal carattere difficile; incline alla rissa (e non si dimentichi che arrivò a uccidere un uomo); amante del bicchiere e attratto sessualmente sia dalle ragazze, sia dai ragazzini (tra cui Mario Minniti e Cecco del Caravaggio).
Una narrazione, quella di Capecelatro, vivace e felice specie nelle descrizioni d’ambi…

ilMorandini 2017

Ciò che caratterizza un dizionario dei film e delle serie TV come ilMorandini edito da Zanichelli sono i giudizi critici che gli autori (Laura, Luisa, Morando Morandini e i loro collaboratori) danno di ogni opera catalogata.
Infatti, nonostante la caratteristica sinteticità delle voci del dizionario, in ogni scheda è possibile leggere il giudizio critico sull’opera sia sotto forma di stellette, sia in modo esteso.

Giudizi a volte caustici o impietosi; con i quali il lettore può anche trovarsi in disaccordo, ma che nell’era di Internet, fanno la differenza: chi consulta ilMorandini, infatti, non cerca solo i dati tecnici, il cast o la trama di un film o di una serie TV; non cerca solo “l’asetticità” enciclopedica, ma vuole conoscere il punto di vista di esperti qualificati sui film e le serie TV che ha visto o segue. Vuole confrontarsi con tali giudizi, curioso di capire quanto distino dai suoi. 

Esperti, va detto, che non esitano, di edizione in edizione del dizionario (questa è la diciannovesima), a modificare il proprio giudizio anche in ragione del passare del tempo e del sopraggiungere di fatti nuovi (un restauro della pellicola; il mutamento di gusto…).

Un dizionario di 2080 pagine cartacee (e un DVD-Rom di supporto), diviso in due grandi aree: quella dedicata ai film e quella per le serie TV.
Completano il repertorio delle utili appendici, come, ad esempio, quella dedicata ai Premi Oscar; o l’elenco, anno per anno, dei film che hanno avuto 4 o 5 stellette; ma anche le schede dei film presentati alla Mostra del Cinema di Venezia 2016.
Un dizionario che non può mancare nella biblioteca di ogni cinefilo.




Commenti