Passa ai contenuti principali

Giuda, il primo e ultimo cristiano

Giuda di Amos Oz edito da Feltrinelli è davvero un bel romanzo.
Protagonista ne è il giovane Shemuel Asch in piena crisi esistenziale: la ragazza lo ha lasciato per un altro con cui si è sposata e la tesi che sta scrivendo su come Gesù sia stato narrato nella cultura ebraica è a un punto morto.
Shemuel decide, quindi, di lasciare l’Università e di accettare un lavoro retribuito con vitto, alloggio e misera paga presso la casa di un vecchio e di una donna che ha il doppio dell’età dell’ex studente.
Il lavoro consiste nel dialogare con il vecchio e ben presto Shemuel si innamora della donna che gli paga lo stipendio.
Shemuel finisce per raccontare della sua tesi al vecchio e di come si sia accorto che, al fianco di Gesù, vi sia un’altra figura di rilievo: Giuda, di cui i testi ebraici, praticamente, non parlano mai.

Il romanzo, dunque, procede su un doppio binario: da un lato la storia principale che narra le vicende di Shemuel all’interno della casa, il suo amore per Atalia e i tentativi di conquistarla, i suoi discorsi con il vecchio che lo portano a nutrire per lui un sentimento d’affetto; e dall’altro lato, in parallelo, la storia di Gesù dal punto di vista degli ebrei e, soprattutto, quella di Giuda (dal punto di vista di Shemuel).
Due storie, quella di Shemuel e quella di Gesù e Giuda di pari interesse per il lettore (specie per quello di cultura cristiana).
Entrambe le storie hanno un finale amaro. Quella di Gesù e Giuda è noto; mentre quello della presenza di Shemuel nella casa del vecchio e di Atalia qui non si svela.

L’interesse della storia di Gesù per un lettore di radici cristiane non sta solo nel fatto che Oz ricostruisce “la fortuna” del profeta all’interno dei testi dei sapienti di religione ebraica; ma anche per come la figura di Giuda viene vista da Shemuel e per come lo studente analizza le motivazioni dell’apostolo.
Giuda, nella visione di Shemuel, è ben altro dall’essere il traditore di Gesù, ma è, invece, 
il primo e ultimo cristiano, l’unico cristiano che non ha abbandonato Gesù neanche per un attimo né l’ha rinnegato, l’unico cristiano che ha creduto nella natura divina di Gesù sino al suo ultimo momento sulla croce, il cristiano che ha avuto fede sino alla fine nella resurrezione di Gesù [...] l’unico cristiano morto con Gesù, che non gli è sopravvissuto, l’unico veramente distrutto dalla morte di Gesù, [...]
Un romanzo, Giuda di Amos Oz, di cui si consiglia un’attenta lettura.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.