Passa ai contenuti principali

Rubens l'italiano

Ganimede e l'aquila
A 23 anni Rubens arrivò in Italia e vi restò per otto anni, dal 1600 al 1608.
Furono anni che lasciarono un segno indelebile sul suo modo di dipingere.
Anni nei quali riuscì a influenzare con i suoi lavori molti artisti italiani, tanto da essere considerato un precursore del Barocco.
La mostra Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco a cura di Anna Lo Bianco visibile fino al 26 febbraio 2017 a Palazzo Reale di Milano mette in evidenza sia le influenze che la statuaria classica e artisti come Michelangelo, Tiziano, Correggio e Tintoretto ebbero su Rubens; sia le influenze che Rubens esercitò su artisti come Bernini, Pietro da Cortona e Luca Giordano, evidenziando, in tal modo, il forte legame tra Rubens e l’Italia.

Autoritratto
Nella bellissima mostra milanese sono presenti 70 opere di cui 40 di Rubens e l’allestimento mette in risalto proprio il gioco delle influenze, affiancando alle opere di Rubens quelle alle quali si ispirò e quelle che furono ispirate dai suoi dipinti.
Risulta chiaro al visitatore come Rubens sia da considerare un Maestro fondamentale per lo sviluppo dell’arte italiana e come lui stesso, come amava definirlo lo storico dell’arte Bernard Berenson che di arte italiana se ne intendeva, fosse “un pittore italiano”.
Lo era e l’esposizione milanese lo evidenzia assai bene.

Ritratto di Vincenzo II Gonzaga
Molti sono i capolavori di Rubens presenti a Milano che andrebbero ricordati. Sicuramente tutti quelli che “ritraggono” un personaggio reale o appartenente al mito e alla religione.
In tali dipinti, ci pare che Rubens abbia dato il meglio di sé, riuscendo a mettere in luce il carattere del personaggio ritratto e a incidere profondamente nello sviluppo dell’arte.
Si vedano, ad esempio:
  • l’Autoritratto del 1623 nel quale il pittore si presenta allo spettatore in vesti da gentiluomo. Quasi una rivendicazione: come a dire che gli artisti non necessariamente sono degli scapestrati o degli straccioni da pagare con un tozzo di pane;
  • il Ritratto di Vincenzo II Gonzaga del 1604 in cui il bel giovinetto sfoggia un abito sontuoso (come si addice al suo lignaggio), ma soprattutto rivela di possedere uno sguardo vispo e curioso;
  • il Seneca morente del 1615 nel quale il protagonista, seminudo, si trova in piedi in una bacinella che ne raccoglie il sangue. Quasi un Cristo crocifisso;
  • il bellissimo Cristo risorto del 1615 che, seduto sul sarcofago e aiutato da un angelo che ne regge il lenzuolo funebre è, paradossalmente, pieno di vita;
  • l’Adorazione dei pastori del 1608 con i personaggi immersi nel buio e rischiarati dalla luce proveniente direttamente dal corpo del neonato. Rubens non immemore della lezione di Caravaggio;
  • lo strepitoso Ganimede e l’aquila del 1611 in cui il bellissimo giovane siede su un’ala dell’aquila che lo ha rapito e con il corpo in torsione riceve la coppa d’oro simbolo del suo nuovo incarico presso gli dei. I piedi e le zampe del rapace poggiano su una nuvola che smette di essere qualcosa di impalpabile e, anche nel colore, prende consistenza quasi di roccia.

Molti altri, si è detto, sono i dipinti che andrebbero segnalati di questa che è una mostra da vedere e che non manca di incantare i visitatori.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.