Passa ai contenuti principali

Il Magma e la Forma | Arnaldo Pomodoro

In primo piano Il grande ascolto, bronzo, 1967-1968

In principio era il Magma incandescente.
Poi vennero le Forme.
L’Arte del Maestro Arnaldo Pomodoro sembra voler ricordare costantemente questa evoluzione, fondendo, nelle sue opere, l’era geologica del Magma a quella della Forma.
Le sue opere, infatti, presentano Forme della geometria euclidea squarciate e sfregiate. 
Squarci e sfregi che rivelano incrostazioni magmatiche.
Metafora di una Perfezione che racchiude in sé il Caos.

Sfere
Per festeggiare i 90 anni di Arnaldo Pomodoro, Milano dedica al Maestro una grande mostra diffusa, visitabile da domani 30 novembre fino al 5 febbraio 2017.
Sede principale della mostra a cura di Ada Masoero è la Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, nella quale sono presenti 30 opere scelte personalmente da Arnaldo Pomodoro.
La Sala delle Cariatidi, sfregiata dai bombardamenti su Milano durante la Seconda Guerra mondiale, su consiglio di Pablo Picasso che nel 1953 vi espose Guernica, non è mai stata restaurata, per restare come monito della devastazione che la guerra porta con sé.
In tale sala, le opere di Arnaldo Pomodoro si innestano come in un ambiente naturale. 
Gli sfregi causati dalla guerra alle Cariatidi e all'intera Sala sono parte di quel Caos da cui emergono le Forme di Arnaldo Pomodoro.
Forme che, come detto, portano ancora in sé i segni del Caos da cui sono nate.
Il risultato è assai suggestivo, tanto che, al di là delle singole opere, l’esposizione nella sua totalità assume quasi dignità di opera artistica a sé stante.
In altre parole, le 30 opere di Arnaldo Pomodoro, esposte nella Sala delle Cariatidi, vanno a formare un’unica e momentanea opera d’arte nella quale il visitatore può immergersi, venendo di volta in volta in contatto visivo con i singoli “pezzi”.

Oltre all'esposizione di Palazzo Reale, nella cui piazzetta antistante è, per la prima volta, esposto nella sua interezza il complesso scultoreo The Pietrarubbia Group, la mostra in onore di Arnaldo Pomodoro si snoda tra le sedi della Triennale; del Museo Poldi Pozzoli e della Fondazione Arnaldo Pomodoro.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.