Passa ai contenuti principali

Prepararsi alla Morte eroica

Torna in libreria Sole e acciaio di Yukio Mishima edito da Guanda e tradotto da Lydia Origlia.
Si tratta di un testo fondamentale per tentare di penetrare in Mishima, uomo dalla personalità complessa e, a tratti, enigmatica.
Scritto nel 1968, due anni prima dello “spettacolare” seppuku (il suicidio rituale) con il quale Mishima si diede la morte in compagnia del suo ultimo giovane amico (e probabile amante) Masakatsu Morita, Sole e acciaio racconta di come Mishima si sia preparato per anni a quella che, per lui, era una Morte eroica.
Insoddisfatto del suo fisico che considerava inadatto alla Morte eroica, quella tragica dei giovani e aitanti guerrieri, Mishima iniziò, quindi, a praticare sport con costanza e determinazione, in modo da forgiare un fisico atletico ed eroico.
Agli allenamenti fisici (l’acciaio), Mishima unì il sole, convinto che una pelle abbronzata e levigata fosse più consona a un guerriero di quanto non lo fosse un aspetto emaciato e smunto.

In altre parole, Mishima, sicuramente uno dei più importanti scrittori del Novecento, volle allontanarsi dall’immagine per lui ripugnante dell’intellettuale pallido e dal fisico molle, per assumere l’aspetto del combattente dai muscoli d’acciaio e dalla pelle temprata e levigata dal sole.
Le fotografie che lo ritraggono nudo testimoniano di come riuscì nel suo intento.

Un cambiamento radicale, quello ottenuto da Mishima sul suo corpo, che non era dettato dalla volontà di migliorare il proprio aspetto al fine di piacere agli altri, ma dall’esigenza per lui irrinunciabile di assumere le sembianze dell’eroe pronto a morire giovane e di morte violenta.
In altre parole, Mishima era convinto del fatto che per una Morte eroica fosse necessario possedere un corpo perfetto.
E desiderando intensamente una Morte eroica, Mishima dedicò l’ultimo decennio della sua vita a costruire un corpo da samurai.
Sole e acciaio ci dice, implicitamente, che il seppuku non fu un gesto improvviso e folle, bensì fu preparato con cura e lucida determinazione. Un gesto che, sembra di capire, avesse per Mishima il paradossale fine ultimo di unire in un tutt’uno l’Arte e la Vita, la Parola e i Muscoli, per Mishima, invece, dichiaratamente scissi.

Sole e acciaio a tratti è una lettura difficile, ma, si ripete, necessaria per entrare nel mondo di Mishima, al pari di libri come Confessioni di una maschera e Colori proibiti.



Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.