Passa ai contenuti principali

La Collezione Marino Marini al Museo del 900

Giocoliere
Il Museo del 900 di Milano custodisce (ed espone) un’importante collezione: quella dell’artista Marino Marini.
Il visitatore può, così, ammirare la galleria di ritratti in gesso che il Maestro fece a importanti artisti ed esponenti della cultura novecentesca. 
Testine che, pur richiamando alla memoria la ritrattistica romana, hanno uno stile del tutto novecentesco. 
La loro collocazione all’interno del Museo del 900 fa quasi diventare il contenitore che le espone una sorta di pantheon della cultura novecentesca.


Piccolo pugile
Oltre alle testine in gesso, la Collezione Marino Marini presenta ai visitatori anche altre opere di notevole interesse artistico.
Tra esse vanno sicuramente ricordati:
  • il Giocoliere (gesso del 1939): opera di grande fascino in quanto il giocoliere del titolo è fissato alla parete e ha gli arti (intenzionalmente) amputati. Un giocoliere, dunque, impossibilitato a muoversi e a esercitare la sua arte… e che richiama analoghe statue greche-romane arrivate a noi compromesse dall’opera del tempo (e, spesso, dalla furia iconoclasta dell’uomo).
  • Le tre figlie del carrozziere (olio su tela del 1957): quadro che presenta le “tre grazie” corpulente nude e in atteggiamento palesemente provocante, a mo’ di “signorine” di “quelle case” che solo nel 1958 la senatrice Merlin avrebbe fatto chiudere.
  • il Piccolo Pugile, (bronzo del 1935), scultura di piccolo formato che presenta un uomo nudo e con il sesso in erezione che, forse, non è impegnato in un combattimento sul ring, ma in ben altro…



Una collezione, quella di Marino Marini su cui vale la pena soffermarsi a lungo visitando il Museo del 900.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.