Passa ai contenuti principali

Il gioco di Escher

La produzione artistica di Escher (1898 - 1972) è stata sicuramente una delle più riconoscibili del Novecento. 
Le sue opere hanno parlato agli spettatori più vari sollecitandone l’immaginazione con creazioni grafiche che alludono e/o rimandano a mondi possibili, anche quando stanno riproducendo oggetti o esseri reali.
Escher, attraverso quelli che, frettolosamente, si potrebbero definire “giochi illusionistici”, ha, in altre parole, sollecitato lo stupore dello spettatore mettendolo di fronte a raffigurazioni “artefatte” della realtà che alludono a “mondi altri”.
Un gioco sofisticato e intellettualistico che nasce da una vena decorativa spinta all’eccesso e, si suppone, ha come fine ultimo proprio la volontà di meravigliare chi guarda.


Dopo Roma, Bologna e Treviso, la mostra dedicata a Escher curata da Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea approda a Palazzo Reale di Milano e vi resterà fino al 22 gennaio 2017.
Un’ottima occasione non solo per ammirare quelli che sono considerati i capolavori di Escher, ma anche per conoscere la produzione meno nota dell’artista, quella fortemente influenzata dal decorativismo dell’Art Noveau e dai paesaggi architettonici italiani (Esher visse in Italia a più riprese dal 1921 al 1935).

Tra le 200 opere esposte a Milano, sono molte quelle su cui soffermarsi.
Si segnalano:
  • Notturno romano: la Basilica di Costantino (xilografia del 1934) in cui un dettaglio architettonico, ripreso dall’alto, prefigura gli scorci prospettici delle produzioni posteriori;
  • l’Autoritratto del 1929 in cui la capigliatura sembra richiamare una collina erbosa;
  • Relatività (litografia del 1953) famosa per le scale che non portano da nessuna parte;
  • Planetoide tetraedrico (xilografia del 1954) in cui convergono l’amore per i complessi monumentali e la costruzione di mondi possibili: il planetoide creato da Escher è formato dalla stessa architettura riprodotta quattro volte;
  • Mani che disegnano (litografia del 1948) in cui due mani si disegnano l’un l’altra;
  • Mano con sfera riflettente (litografia del 1935) forse l’opera più nota di Escher;
  • Buccia (xilografia del 1955) in cui una buccia di agrume forma un volto di donna.

Piace chiudere ricordando una frase dello stesso Escher: “Il mio lavoro è un gioco. Un gioco molto serio”.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.