Passa ai contenuti principali

Da Hugo Pratt a Zerocalcare

Una tavola di Zerocalcare
Da domani fino al 10 luglio 2016 al Palazzo della Permanente di Milano sarà possibile visitare la mostra Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati a cura di Paolo Barcucci e Silvano Mezzavilla, prodotta e organizzata da ViDi e Agema.

L’esposizione presenta al pubblico 300 tavole di 40 autori italiani che, a partire dal 1967, si sono cimentati con il romanzo grafico.
Le tavole sono divise in pannelli monografici che presentano gli incipit di 40 romanzi grafici (uno per autore).
Va specificato che non si tratta di tavole illustrative (ovvero di disegni che illustrano un testo scritto), ma di vere e proprie opere autonome.
Opere che, come insegnano i casi di Zerocalcare e Gipi, oggi entrano a pieno titolo nei premi letterari.

I pannelli sono collocati in ordine cronologico e questo facilita la comprensione di come si sia evoluta (e si stia evolvendo) l’arte del romanzo grafico in Italia (Paese che, per molti studiosi, ha dato i natali al genere, nonostante esso sia noto con l’espressione inglese di grafic novel).
Così se, a livello editoriale, si è passati dai romanzi grafici pubblicati a puntate su riviste, a quelli che arrivano in libreria in volumi singoli; a livello “narrativo” si può notare una progressiva conquista di quella che qui non si sa definire in altro modo che con il termine “ariosità”.
In altre parole, se nei primi anni, forse per rispettare i limiti di spazio all’interno delle riviste che li ospitavano, i romanzi grafici si presentavano ai lettori con “tavole” graficamente piene di “vignette”, a volte al limite del caotico, oggi si tende a concedere maggior spazio alle singole vignette, creando tavole che ne presentano anche una soltanto o due o tre per volta.
Tale maggiore “ariosità”, non solo rende più piacevole la lettura, ma conferisce una maggiore dignità artistica al romanzo grafico nel suo complesso.

In mostra a Milano sono presenti opere di artisti come Hugo Pratt (autore, nel 1967, di Una Ballata del Mare Salato nel quale fa la sua prima apparizione Corto Maltese); Guido Crepax (padre di Valentina); Magnus; Andrea Pazienza (che, nel 1977, con Le straordinarie avventure di Pentothal trasforma il romanzo grafico in autobiografia);  Altan; Milo Manara; Leo Ortolani (padre di Rat Man); Zerocalcare; Gipi (che in mostra presenta delle tavole di un romanzo ancora inedito) e molti altri.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.