Passa ai contenuti principali

Ciò che non si può fare


Ieri pomeriggio, in quella bomboniera che è il Teatro Sociale di Bergamo, ha debuttato la nuova produzione del Teatro Prova: Il Principe e il Povero, libero adattamento dell’omonimo romanzo di Mark Twain ad opera di Stefano Mecca e Marco Menghini.

Lo spettacolo, adatto a un pubblico di bambini dai tre anni in su, è assai ben fatto, divertente, coinvolgente ed educativo, in quanto, a differenza di molte delle produzioni pensate per il pubblico dei più piccoli, oltre a mostrare il lato ricreativo dell’esistenza, fa vedere anche quello fastidioso della realtà che, a volte, può essere davvero dura.

Infatti, al di là della somiglianza fisica tra i due protagonisti della storia, ciò che li rende davvero uguali è il non poter fare determinate cose, il non poter dar luogo e concretezza ai propri desideri.
Ad esempio, il Principe non può liberamente giocare con gli altri bambini, e il Povero non può mangiare a sazietà...
Neppure quando si scambieranno i vestiti e le identità (l’abito non solo fa il monaco, ma anche il principe e il povero) i due riusciranno a realizzare i loro desideri.
Avranno, però, conosciuto più da vicino la società che li circonda e dato il via a una vera amicizia: la loro.

A dare corpo e voce al Principe e al Povero (e a tutti gli altri personaggi della storia) ci ha pensato, assai bene, Marco Menghini, attore dalla recitazione fisica e motoria. 
Menghini, alle cui spalle sfilavano le animazioni di Diego Zucchi, ha da subito creato un forte feeling con il suo giovane pubblico che è anche riuscito a coinvolgere nell’azione scenica, scendendo in platea.  
Ha caratterizzato i personaggi con semplici ma suggestivi accorgimenti e, per “raccontare” la storia del Principe e del Povero, ha utilizzato il corpo per intero.
La bella regia di Stefano Mecca ha valorizzato l’attore e ha amalgamato in un unicum narrativamente e visivamente convincente le videoproiezioni e la presenza fisica di Menghini, opportunamente sottolineando alcuni momenti chiave con le musiche a cura di Andrea Rodegher
Un uso della multimedialità che Mecca ha reso naturale, comprensibile e godibile dal pubblico dei più piccoli per la quale è pensata.

Un bello spettacolo, dunque, la cui visione si consiglia caldamente.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.