Passa ai contenuti principali

Magia vs Tecnologia

L’Erede della Luce di Luca Rossi è il seguito di I rami del Tempo.
In esso il lettore ritrova molti dei protagonisti già conosciuti nel precedente romanzo a cui se ne aggiungono di nuovi.
A differenza del primo romanzo che era fatto di capitoletti, L’Erede della Luce procede per lunghi capitoli ognuno dei quali (tranne uno e l’Epilogo) porta il nome di una delle donne protagoniste della storia.
La piacevolezza della lettura resta intatta anche in questo nuovo romanzo ed è data dalla scrittura fluida di Rossi che si conferma essere esperto narratore.


Ne L’Erede della Luce le donne sembrano avere un ruolo determinante nello svolgersi dell’azione ed essa è vista e raccontata dal loro punto di vista.
Donne che tentano di rimediare ai danni causati dagli uomini. Donne che usano il loro accresciuto potere quasi sempre a fin di bene. Donne che si amano tra loro.
Tutte le protagoniste del romanzo, infatti, sono lesbiche. Ognuna di loro ha una propria affettività e sessualità e tutte le sfumature sono descritte dall’autore con garbo e realismo.
Nessuna di loro è fatto oggetto di biasimo e le scene di sesso che le vedono protagoniste spesso sono gradevolmente erotiche.

La sessualità maschile, invece, è sempre dipinta come animalesca: sia quella eterosessuale, sia quella omosessuale.
Più in generale, i maschi, nel romanzo, sono portatori di bestialità, animosità, rancore, arrivismo e sete di potere o glaciale disinteresse verso il prossimo.

Un contrasto, quello tra uomo e donna che emerge lungo tutto il romanzo e che, in qualche modo, si riverbera anche in un altro contrasto che viene descritto nella storia: quello tra Magia e Tecnologia.
La Magia, infatti, a un certo punto della storia, sembra incarnarsi solo in figure femminili (restandone privi i maschi) e la Tecnologia (già comparsa nel primo romanzo, ma ora coprotagonista assieme alla Magia) sembra, invece, dominio degli uomini.
E se la Magia ha qualcosa di profondamente umano, la Tecnologia è disumana: asettica e, tutto sommato, paurosa, proprio perché priva di sentimenti.
L’Erede della Luce, dalla seconda metà del romanzo in poi, è la storia della lotta tra la Magia e la Tecnologia. 
E se chi detiene la Magia (le donne) fa di tutto per non uccidere i propri nemici, chi, invece, governa sul mondo tecnologico (gli uomini) sembra proprio non avere remore a eliminare fisicamente quanti possono rappresentare un pericolo. Vero o presunto.

Una sfida, quella tra Magia e Tecnologia che sembra destinata a prolungarsi anche nel terzo romanzo della saga.

L'Erede della Luce è disponibile su Amazon

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.