Passa ai contenuti principali

Il fantasy incontra l'eros nel romanzo di Luca Rossi

Nel romanzo I rami del tempo di Luca Rossi due popoli si fronteggiano a colpi di magia e stregoneria. Entrambi sono prigionieri su due isole fredde e inospitali. Entrambi sono votati alla guerra a distanza.
A inizio di romanzo il lettore assiste alla distruzione totale di uno dei due popoli a opera dell’altro. Scampano allo sterminio solo tre sopravvissuti: una coppia di sposi e una sacerdotessa. A loro spetta il compito di non cedere…
Il romanzo è la loro storia, ma anche quella di alcuni alti dignitari del popolo avversario: il re con le sue innumerevoli mogli; il consigliere del re e tre maghi chiamati di volta in volta dal re a liberarli dalla forzata permanenza sull’isola.

Un romanzo, quello di Rossi, assai godibile grazie anche alla scrittura fluida e al susseguirsi di brevi capitoli che movimentano il racconto spostando la scena e l’attenzione del lettore da un luogo all’altro, da un millennio all’altro.
Salti temporali e spaziali che permettono ai protagonisti della vicenda di venire a conoscenza di dettagli essenziali e di poter incidere sul corso degli eventi…

Un romanzo, quello di Rossi, nel quale il genere fantasy incontra quello erotico. Infatti, a scene di incantesimi e pozioni magiche, seguono altre in cui a farla da padrone è il sesso, descritto nel dettaglio, ma mai in modo volgare. 
Un sesso agito con sfrenatezza dal sadico re Beanor, instancabile fottitore (per citare De Sade) delle proprie mogli; ma anche l’autoerotismo di Bashinoir che, diviso dalla moglie, sfoga la sua virilità immaginando di possederla di nuovo… Tra i due estremi, il soffuso e delicato lesbismo delle protagoniste…


Un romanzo, I rami del tempo, dal finale aperto (letteralmente sospeso nel tempo e nello spazio) che ha già un seguito che non si fatica a credere il lettore vorrà leggere: L’erede della luce.

I rami del tempo è disponibile su Amazon

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.