Passa ai contenuti principali

Condannato a vivere

Valerio Mello torna in libreria con un nuovo libro di poesie: Giardini pensili, edito da La Vita felice.
Si tratta di un libro difficile, nel quale Mello fa uso di versi densi e misteriosi con i quali si ha l’impressione voglia nascondere, più che svelare, la verità del suo Io.
Versi che, a volte, sembrano volersi condensare, solidificare, in un grumo di sofferenza.
Sì, perché quelle di Mello sembrano parole sanguinanti.
Il suo è, infatti, un «giardino delle ceneri e del vuoto» che, sebbene torni a fiorire, sembra restare immoto.
Giardini pensili quelli in cui il Poeta si muove, ossia, giardini sospesi, in quanto non ancorati al suolo.
Una metafora, il titolo, che sembra rimandare a uno stato di sospensione dell’anima. Come se l’Autore volesse indicare, con il titolo del suo libro, il mood in cui, forse, si trova egli stesso: sospeso in un limbo tra la vita e l’apatia.
Non stupisce, allora, che si possa «resta<re> intrappolati | in un paio di guanti da giardino» nel mondo “pensile” di Mello, forse anche perché, nonostante la fede professata dal Poeta nelle parole, si fatica a riconoscerlo in esse, nonostante le usi per rappresentarsi: «Ho davanti la mia traduzione,| il mio testo originale a fronte»; “traduzione” che, però, sembra silente, per stessa ammissione del Poeta.
E che la rappresentazione del Sé sia, per Mello, assai problematica, il Poeta lo dichiara subito in una poesia che si intitola, assai efficacemente, Enigma: «Lo spazio fra me e i vocaboli è costituito dal momento | in cui scelgo di rappresentarmi in forma scritta. | Ma non esisto neppure a parole.»  [...] «Non sono contemporaneo del mio discorso.».
Un senso di impotenza che potrebbe condurre dritto allo spegnimento dell’anima, se non fosse che, nonostante tutto, il verdetto finale è di vita: «la sentenza è di vita» scrive il Poeta e sembra più una condanna che un’assoluzione.
Un libro, quello di Mello, che va letto con attenzione, perché, tra le pieghe del non detto, il Poeta pare svelare molto più di quanto crede…

______

Leggi anche la recensione ad Asfalto

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.