Passa ai contenuti principali

Nerd Cabaret_La scena 2.0


Ieri sera, all’Auditorium di Piazza della Libertà a Bergamo è andato in scena Nerd Cabaret. Salace romanzo di formazione digitale di e con Michele Cremaschi per la regia di Gaetano Ruocco Guadagno e Michele Cremaschi.
Lo spettacolo racconta (in un lungo flash back) delle speranze che un normale nerd (ossia, un patito per la tecnologia) ha riposto nel progresso tecnologico nell’arco degli ultimi trenta/trentacinque anni.
Speranze in una vita migliorata dall’uso quotidiano dei vari device tecnologici. 
Aspettative spesso deluse, in quanto di miglioramenti rivoluzionari se ne sono visti assai pochi. 
Anzi, a volte, gli esiti possono tranquillamente essere catalogati come dei sostanziali peggioramenti. Si veda, ad esempio, l’uso ossessivo che molti, troppi, fanno del proprio smartphone che, in tal modo, da mezzo di comunicazione, si trasforma in un mezzo di isolamento dalla realtà circostante.
E, allora, ad esempio, il protagonista della pièce, rischia di non incontrare l’anima gemella, solo perché non è stato in grado di alzare gli occhi dal display del proprio cellulare.
Per non dire che, con la scusa che la tecnologia ci aiuta a svolgere il nostro lavoro, ci viene spesso chiesto di fare molto di più… fino a dover svolgere, come è il caso del performer in scena, due spettacoli contemporaneamente.

Nerd Cabaret, pur facendo riflettere sull’uso distorto della tecnologia, è uno spettacolo comico godibilissimo.
Cremaschi ha tempi comici perfetti e una invidiabile capacità di improvvisazione nel momento in cui chiama alcuni spettatori a farli collaborare all’avanzamento della storia.
Chi scrive è stato coinvolto in prima persona nello svolgimento dello spettacolo, sia dal proprio posto in platea (giocando ai videogames contro il performer), sia direttamente sul palcoscenico, dove Cremaschi, da attore consumato qual è, ha dato vita a una piccola gag improvvisata. 

Altra caratteristica da segnalare è l’assoluta padronanza che Cremaschi dimostra di quella che si potrebbe definire la Scena 2.0: il suo palcoscenico è multimediale e l’attore recita costantemente relazionandosi con i molti alias digitali che, di volta in volta, appaiono sugli schermi.
La sua recitazione è fortemente gestuale e, spesso, è “affiancata” da una voce fuori campo che racconta il progredire della storia e dalle voci degli alias che appaiono sugli schermi. Il tutto senza far perdere il filo del discorso al pubblico in sala che, al termine dello spettacolo, ha salutato l’interprete con calorosi e meritati applausi.


In definitiva, Nerd Cabaret è spettacolo da vedere sia per passare una serata lieta; sia per riflettere sull’uso distorto della tecnologia e sia per rendersi conto direttamente di come la tecnologia possa anche diventare uno strumento che amplifica le capacità creative e performative di un attore teatrale.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.