Passa ai contenuti principali

300 poeti per Lorenzo Cresti

Lorenzo Cresti era un ragazzo sensibile e tormentato, prematuramente e tragicamente scomparso nel 2008 a soli 17 anni. Amava la letteratura, il cinema, la musica e la filosofia e a lui i genitori hanno intitolato un concorso letterario, per tenerne viva la memoria (non in loro che, certo, la presenza di Lorenzo è incancellabile, ma negli altri, anche in chi non l’ha conosciuto).

La cerimonia di premiazione della quinta edizione del Premio letterario in memoria di Lorenzo Cresti si è svolta domenica scorsa nel prestigioso Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze.
La qualificata giuria, presieduta da Alessandro Quasimodo e composta da Francesco Farina, Rina Gambini, Giovanni Bogani e Lisa Baligioni (madre di Lorenzo), ha selezionato le poesie vincitrici tra le 557 inviate dai 300 partecipanti (ogni concorrente poteva, infatti, inviare due elaborati), confluite, assieme a quelle finaliste e alle segnalate, nell’Antologia edita da SoleOmbra edizioni.

Ad essere premiati molti giovani (anche in ragione del fatto che un’intera sezione del concorso è a loro riservata) e fa tenerezza, oltre che ben sperare, il fatto che così tanti ragazzi si dedichino alla poesia.
Altro fatto da non sottovalutare è la partecipazione al concorso anche di poeti riconosciuti: in questa edizione, ad esempio, si è qualificata, in due distinte sezioni (ovviamente, quelle in cui potevano partecipare anche gli adulti), la poetessa Rita Imperatori.  


Infine, non si può tacere l’affetto palpabile che molti giovani partecipanti alla cerimonia hanno voluto dimostrare a Lisa Baligioni. Un affetto che testimonia di come l’aver intitolato a Lorenzo un premio letterario si sia rivelata una scelta non solo, per quanto detto all’inizio, in qualche modo obbligata, ma ben compresa e condivisa da quanti vi prendono parte.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.