Passa ai contenuti principali

La pelle di Rita Imperatori

Rita Imperatori
Le poesie che Rita Imperatori ha raccolto nel volume La pelle delle cose edito da Libroitaliano World sono state scritte nel corso di diversi anni.
Esse sono accomunate sia da temi ricorrenti, sia dallo stile con cui, quasi tutte, sono state scritte: uno stile che fa a meno della punteggiatura o la riduce al minimo essenziale.
Sono versi, quelli della Imperatori che sembrano come distillati direttamente dalla pelle (e dal cuore) della poetessa e raccontano, “in diretta”, delle emozioni vissute, così come il sudore che imperla la pelle è segno della fatica.  
Emozioni che sono entrate perforando la pelle e ne escono segnando la pagina.
Pelle, quella della Imperatori, che vorrebbe tracciare confini da difendere per mezzo della ragione (che «veglia a presidiare i varchi del privato»), ma che soccombe e si fa invadere dall’amore.
Amore vissuto con tutto il corpo, con i sensi e con l’anima. Appieno e a fondo, ma con la consapevolezza che esso non è durevole. Finisce quando smette di essere elettrizzante come un sabato e diventa «stantio» come una domenica; quando, come afferma la poetessa, vi è «lo scadere dell’amore grande | ad attimo distratto del quotidiano rito».  
Un amore che, all’apice del suo compiersi, ossia nel momento dell’amplesso, dell’unione con l’Altro (sempre presente nelle poesie della Imperatori che non è mai presenza solitaria), è strumento di conoscenza e ispiratore di versi roventi che non ci si aspetta.
Ecco, allora, che in Oltreconfine si legge:


Ampio
mi schiudi il mondo
quando le braccia
mi leghi intorno al corpo
e il cuore spingi
contro i confini della pelle.

a cui si associano i versi di Quasi due, forse la lirica più intensa di tutto il volume:

Quando il tuo sesso mi percorre
dice parole che capisco ed amo;
rispondono furiosi denti e mani
e i baci aspettano che posi la passione.
Non è più mio il corpo che t’avvolge
e non è corpo il tutto che divampa;
non hanno limiti le voglie e le risorse
ed ogni movimento mi regala una scoperta.
Accade poi che noi si torni due
e il letto macchiato di silenzio
diventa vuoto come un ricordo perso.


Una silloge, quella della Imperatori, che vale la pena leggere anche perché fa scoprire una voce femminile che si erge al di sopra del coro un po’ noioso delle sedotte e abbandonate.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.