Passa ai contenuti principali

I morti in guerra aiutino i vivi a mantenere la pace

Esattamente cento anni fa l’Italia entrava in guerra (con un po’ di ritardo rispetto agli altri paesi, impegnati nei combattimenti dal 1914).
Ieri sera, in un gremito Teatro San Giorgio di Bergamo, la compagnia del Teatro Prova ha ricordato l’evento con lo spettacolo GuerraFangoPace di Stefano Facoetti e Luca Catò, con Giusi Marchesi e Marco Menghini e la regia di Stefano Facoetti.
Lo spettacolo è pensato per essere presentato a scolari del II ciclo della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di primo grado, ma - a parere di chi scrive - esso può essere fruito (con qualche aggiustamento del caso) anche dai ragazzi più grandi, non esclusi gli universitari.
Il testo rievoca i fatti salienti, le cause e gli effetti della Prima Guerra mondiale e si sofferma, doverosamente, sul caso emblematico dei fratelli Calvi: quattro giovani soldati morti nel conflitto.
I fratelli Calvi diventano esempi di vita per il giovane Pietro, vittima del bullismo di alcuni ragazzi, che ne ripercorre la breve esistenza grazie ai racconti che la signora Clelia gli fa di loro e della guerra in generale.
Sulle prime, Pietro travisa il messaggio che Clelia gli trasmette e crede che smettere di scappare significhi agire con violenza; poi, capisce che i veri eroi usano la testa e il cuore e fanno di tutto per mantenere o ristabilire la pace.

A dar vita sulla scena ai personaggi i bravi e intensi Giusi Marchesi e Marco Menghini. La prima è stata, di volta in volta, energica, materna e (nei panni di un soldato infreddolito) disullus(a); sempre emozionante e coinvolgente. Il secondo, tutto motorio e dalla notevole fisicità, è riuscito a passare dal ruolo del giovane Pietro e quello dei fratelli Calvi con la naturalezza dell’attore consumato, nonostante la giovanissima età.
La regia di Facoetti è stata, al tempo stesso, materica e multimediale. Materica perché ha usato la creta (modellata dagli attori in scena) per rendere concreti alcuni passaggi che rischiavano di restare solo dei dati freddi o teorici. Multimediale perché ha usato delle videoproiezioni per unire in un’unica storia il corpo vivo degli attori (anch’essi a tratti videoripresi) con quello dei soldati della Prima Guerra.

Al termine dello spettacolo gli attori e il regista sono stati salutati con calorosi e più che meritati applausi.

Spettacolo da non mancare.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.