Passa ai contenuti principali

La carta della Balicco

Tempio di Luisa Balicco
Fino al 24 aprile è possibile visitare la mostra Un viaggio singolare, personale di Luisa Balicco alla Galleria Ceribelli di Bergamo.

Oltre all'invito a recarsi a guardare le opere esposte, si vuole condividere qui qualche impressione e riflessione nate dalla visita odierna.

Luisa Balicco ama la carta.
La carta come materia, oltre che come “semplice” supporto.
La ama al punto da crearla: la fa nascere e le dà peso, spessore e porosità ogni volta differenti e utili all'opera che l’artista intende realizzare.
La carta, nelle mani della Balicco, è come se si trasformasse in creta da lavorare, da modellare. 
Cessa di essere “solo” il supporto dell’opera e diventa materia protagonista.
Paradossalmente, ciò che viene vergato sui fogli dalla Balicco, diventa, quasi, “decorazione”, in quanto è come se la materia-carta assumesse centralità nell'opera realizzata dall'artista.
E alla carta, la Balicco, dà vite molteplici. La carta, nelle sue opere, diventa “altro”.
Diventa, ad esempio, “pietra” con la quale si costruisce il muro (filo conduttore della mostra bergamasca). 
Ma, fondendosi con altri materiali, essa diventa anche quadro, dipinto. La carta della Balicco, cioè, non è - si ripete - solo il supporto su cui viene dipinta (appunto) l’opera, ma è già il quadro, arricchito dai colori e dai versi poetici che compaiono in molte delle opere dell’artista.
La carta della Balicco, infine, grazie alle “macchine ostensorie” e ai leggii sulla quale si innesta, acquista anche tridimensionalità; verticalità, smettendo si essere “solo” bidimensionale.
Le opere della Balicco, hanno una fisicità spaziale che non ci si aspetta e i suoi “libri” diventano pale d’altare, templi o macchine scrittorie di tempi e paesi lontani, persi tra oriente e occidente.
Opere, quelle della Balicco, di grande fascino che, in chi le ammira, fanno nascere forte il desiderio di toccarle, per poter, attraverso il contatto tattile, appropriarsi anche delle sensazioni che la porosità della carta sa trasmettere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.