Passa ai contenuti principali

Razzismo interiorizzato

12 anni schiavo di Solomon Northup edito in Italia da Newton è una testimonianza agghiacciante di cosa potesse succedere a un uomo di colore nato libero negli stati del Nord degli Stati Uniti se aveva la sventura di essere rapito e venduto come schiavo a un proprietario terriero del Sud, dove la schiavitù, nella seconda metà dell’Ottocento, non era ancora stata abolita.
Solomon Northup, infatti, era nato libero e viveva del suo lavoro quando fu rapito e venduto a schiavisti senza scrupoli che non tennero in alcun conto il fatto che fosse un uomo libero.
Northup fu, così, costretto a vivere come schiavo per ben 12 anni, fino a quando non riuscì ad avere l’aiuto di alcuni gentiluomini bianchi che lo riportarono alla libertà e al Nord.
Furono 12 anni in cui a Northup non furono risparmiate angherie, violenze e soprusi, oltre a fatiche disumane.
12 anni in cui tentò anche la fuga, rischiando la vita, ma senza successo: il sistema schiavista era così ben organizzato che allo schiavo non restava che accettare la sua condizione o morire.

La narrazione di Northup è precisa e circostanziata e al lettore vengono raccontate non solo le sventure del protagonista, ma anche quelle degli altri schiavi che con Northup condividevano il destino avverso.
Uomini e donne trattati come animali, tanto che, più di una volta, Northup, riferendosi agli schiavi, parla di “bestiame umano”.
In tal modo, infatti, erano considerati dai proprietari terrieri: delle bestie da lavoro, da tenere nell’ignoranza più crassa, e da comandare a colpi di frusta.
Condizioni disumane giustificate dal razzismo: i “negri” non erano davvero degli uomini e, in alcun modo, potevano essere considerati simili a un bianco.
Un razzismo che, a tratti, sembra essere stato interiorizzato dalle stesso Northup che si trova, a volte, ad affermare che, nonostante fosse un uomo di colore, anche lui poteva essere considerato intelligente (almeno come certi bianchi) e anche lui provava sentimenti di affetto verso i propri figli (anche se tali figli erano neri come lui)...
Razzismo interiorizzato che, se non lo porta mai a giustificare la schiavitù in quanto tale, lo porta a giustificare alcuni schiavisti, affermando che non era colpa loro se erano schiavisti e brutali, ma della società in cui erano nati. 
Se lo schiavista è crudele la colpa non è sua, quanto del sistema in cui vive. Egli non può che subire l’influenza delle abitudini e delle regole sociali che lo circondano. Se sin dall’infanzia gli viene insegnato da tutto ciò che vede o sente che la schiena dello schiavo è fatta per ricevere bastonate, non potrà cambiare opinione negli anni della maturità.
Evidentemente, a Northup, tra l’altro, sembra sfuggire il fatto che nessuno obbligava un bianco a comprare un uomo e renderlo schiavo, tanto è vero che vi erano, tra i bianchi, gli “abolizionisti” che si battevano affinché la schiavitù fosse abolita. Chi schiavizzava un “negro” lo faceva, dunque, a ragion veduta e proprio perché lo considerava appartenente a una razza sub-umana.

12 anni schiavo è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.