Passa ai contenuti principali

Torture all'ombra del Crocifisso


La Tosca di Giacomo Puccini per la regia, le scene e i costumi di Hugo De Ana ripresi da Giulio Ciabatti è uno spettacolo visivamente ineccepibile.
La scenografia del Primo Atto rappresenta uno scorcio della chiesa di Sant'Andrea della Valle a Roma dove Cavaradossi sta dipingendo un quadro raffigurante Maria Maddalena. La scena è talmente ben fatta che si fa fatica a capire che non si tratta di una fotografia. Basta poco, poi, per mutare la prospettiva visiva: basta lo spostamento di una colonna. Una soluzione semplice, pulita che, però, affascina.
La scena del Secondo Atto è un interno di Palazzo Farnese dove c’è il quartier generale di Scarpia. La scena, in se stessa, può non colpire quanto la precedente, ma è visivamente significante, perché sul tavolo imbandito di Scarpia campeggia un crocifisso. È all’ombra di tale crocifisso che si svolge la doppia tortura: quella (fuori scena, di cui si sentono solo i lamenti) a Cavaradossi e quella psicologica a Tosca. E quando Tosca uccide Scarpia, il crocifisso dal tavolo viene spostato (da Tosca stessa) accanto al cadavere di Scarpia.
La scena del Terzo Atto (illuminata in modo assai suggestivo da Sandro Dal Pra) è un angolo di cortile di Castel Sant’Angelo in cui la statua enorme di un angelo prende gran parte del fondale, quasi testimone muto dell’omicidio/esecuzione di Cavaradossi. 
Le scene dello spettacolo sono un chiaro segno registico: tutta la vicenda si svolge in un ambiente ecclesiastico non in grado di porre un freno alle violenze esercitate da Scarpia. Un ambiente dove angeli e crocifissi sono testimoni (purtroppo) silenti e in cui il potere violento si esercita senza freni. Forse, solo l’annunciato arrivo di Napoleone potrà sanare la situazione…
La regia, però, non si è concentrata solo sull'ambiente (e le scenografie che lo hanno ricreato), ma è stata in grado di creare uno spettacolo degno anche dal punto di vista della recitazione e dei movimenti scenici dei cantanti. Movimenti precisi e recitazione esatta che spesso è assai difficile vedere in uno spettacolo di Teatro d’Opera.
A impersonare Tosca la brava Tiziana Caruso che ha meritato un applauso a scena aperta per Vissi d’arte.
Nei panni di Cavaradossi Kristian Benedikt che si è fatto apprezzare per E lucean le stelle, ma, a tratti, nel resto dell’Opera, è stato più volte coperto, suo malgrado, dall'orchestra.
Giustamente assai apprezzato dal pubblico anche Elia Fabbian nei panni di Scarpia.
Contestata da qualcuno, invece, la direzione del Maestro Stefano Romani che è sembrato spingere troppo sull'orchestra a scapito dei cantanti.
_________________

Altro su Giacomo Puccini

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.