Passa ai contenuti principali

Asfalto di Valerio Mello

Arriva in libreria la terza raccolta poetica di Valerio Mello: Asfalto, prefazione di Alessandro Quasimodo, edita da La Vita Felice.

Asfalto raccoglie poesie nelle quali la città di adozione del Poeta siciliano, Milano, in un certo qual modo si sostituisce al corpo stesso del Poeta. Come se Mello si “sciogliesse” in Milano, ne diventasse parte; si confondesse con l’asfalto cittadino.
L’assenza del corpo del Poeta si percepisce ed è quasi dichiarata in versi assai significativi per quanto si va dicendo: «Pare certo il corpo | ma senza prove». Si ha la sensazione che Mello elimini le tracce della propria corporeità e si mischi con la città che cresce, si modifica e… si fa corpo.
E tra i profili dei grattacieli di Milano, tra gli specchi e le travi di Piazza Gae Aulenti e i cavi del tram che, nel verso, diventano «tendini», emerge, sarebbe meglio dire stilla, gocciola, l’inquietudine del Poeta.
Ecco, allora, presentarsi al lettore versi come quelli che si leggono in Decomposizione:
Io so profondo il desiderio d’essere estraneo  
all’usuale e lento accanimento della vita.
Non mi è sufficiente essere ordinario.
E nasce legittimo il sospetto che il tentativo di Mello di confondersi con l’asfalto di Milano sia destinato a fallire o, perlomeno, sia assai faticoso: il Poeta vuole emergere. Farsi parola e arrivare al lettore, al quale si rivolge direttamente, con un Lettera, a chiusura di volume.

Un malessere che non è solo poetico, ma esistenziale, umano, e che, fatte le somme, fa scrivere a Mello: «Sono anni questi vissuti, | percepiti come avanzi»; o, anche, «Sono al mio posto e forse fuori posto».
Inquietudine, comunque, che il Poeta non subisce senza combattere, senza ricercare un senso, una spiegazione. Ricerca affannosa e quotidiana, che toglie il respiro: «Un carteggio tra me e l’ignoto | che ogni giorno consuma ossigeno».

Un libro, Asfalto, che si consiglia di leggere con attenzione e che si allontana, in un certo senso, dai precedenti Versi inferi - poesie 2005-2010 e La nobiltà dell’ombra - Corrispondenze, nei quali era forte la riflessione sul fare poetico, con la ricorrente presenza di poesie sulla poesia.
Qui in Asfalto, invece, in quella che potrebbe essere letta come una preghiera a Salvatore Quasimodo (illustre poeta, siciliano e milanese d'adozione), c’è la consapevolezza di avere scritto «troppo dello scrivere» e, al contempo, la dichiarazione che l’uomo-Mello non è ancora riuscito a «manifestare» pienamente il suo turbamento:

Perdonami a voce bassa, 
perché sono testardo, 
scrivo troppo dello scrivere, 
rivelami a voce bassa 
cosa sanno di me le parole 
che non possono manifestare.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.