Passa ai contenuti principali

Sciamani dell'inconscio

Qualcosa è cambiato dichiara nel titolo del suo nuovo libro Maria Luisa Agostinelli. Cosa di preciso sia cambiato, però, non dice esplicitamente.
Forse più che cambiato è evoluto.
Infatti, se già dopo la lettura di Non me lo ricordo il lettore poteva avere il sospetto che i folli descritti dalla Agostinelli potessero essere portatori di una “conoscenza altra”, ora, si ha quasi la certezza che l’Autrice guardi ai suoi pazienti (la Agostinelli è psichiatra) come a una sorta di “sciamani dell’inconscio”.
Sono folli in grado di vagliare il reale e l’inconscio e di centellinare verità, dal loro punto di vista (e, spesso, anche da nostro), assolutamente incontrovertibili. Verità sui sani. Verità sulla psichiatria. Verità sulla follia.
Sciamani ai quali l’Autrice si avvicina e descrive con grande umanità; con simpatia, empatia e, soprattutto, rispetto, come già si è avuto modo di dire recensendo E.T. Istantanee di normalità nei matti (secondo libro “a tema” della Agostinelli).
Sciamani a cui la psichiatra crede: «Io a Franco credo» dichiara parlando di un suo paziente e si tratta di un’ammissione di grande valore che racconta di un approccio terapeutico basato sulla relazione “alla pari” tra paziente e psichiatra. Una relazione in cui il malato ha da dire e da dare al medico e non solo il medico al malato. In cui chi cura ascolta. Ascolta veramente. 
Relazione che non è esente da affetto. 
Ed è così che emerge il lato umano della psichiatria. Lato che si svela anche con candide affermazioni della Agostinelli che, vedendo soffrire i suoi pazienti, ammette che avrebbe voglia di piangere e maledice il male che li trascina nella follia.
Ma ai suoi “sciamani” la Agostinelli sembra guardare anche dal punto di vista dello stile. Così come la follia tende a scarnificare il processo verbale, rendendo il malato spesso incapace di articolare il discorso e di comporre frasi che vadano al di là dell’essenziale; allo stesso modo lo stile della Agostinelli è essenziale; fatto di frasi brevi che, a volte, si interrompono bruscamente (ma mai private di senso). Uno stile sincompato di cui si è avuto modo di dire in precedenti recensioni e che, si conferma, è, non solo personale, ma trascinante.
In definitiva Qualcosa è cambiato edito da Moretti & Vitali è un bel libro che si legge tutto d’un fiato e che ci conferma nel ritenere la Agostinelli una grande scrittrice.

Qualcosa è cambiato è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.