Passa ai contenuti principali

La frusta di Venere


Venere in pelliccia di Leopold von Sacher-Masoch è un classico della letteratura erotica, forse troppo poco noto.
Chi vi cercasse descrizioni di amplessi e di evoluzioni erotiche, ne rimarrebbe, però, profondamente deluso.
Il romanzo, infatti, è un teorema (filosofico) che tenta di dimostrare come un uomo e una donna non possano essere compagni, ma solo nemici, anche se si amano. Soprattutto se si sia amano...
Nella coppia, uno dei due amanti è destinato ad essere schiavo dell’altro. Domina chi non si fa scrupoli a tenere in mano la frusta e al dominato non resta che adorare l’amante divenendone lo schiavo.
Nel romanzo è l’uomo che si fa schiavo, volontariamente, della sua Venere in pelliccia. Una donna bella, ricca e spietata; una dea, una Venere che accetta la proposta dell’amante di divenirne la padrona, svolgendo il suo compito di giorno in giorno con sempre maggior piacere.
Il rapporto schiavo/padrona viene regolato da un vero e proprio contratto che i due amanti firmano e che prevede che l’uomo debba assumere un nuovo nome ed essere completamente al servizio della donna. Suo schiavo fuori e dentro la camera da letto.
L’uomo, pur di non perdere la sua padrona, è disposto a qualsiasi cosa e il suo amore viene alimentato dalle continue umiliazioni e dai castighi cui la padrona lo sottopone.
Fino a quando lei non si innamora di un altro. Un uomo virile e spietato che la sottomette, diventando, al contempo, il nuovo aguzzino dello schiavo della donna...
Un romanzo, Venere in pelliccia, che non è solo frutto di fantasia: nella storia si riconoscono alcuni fatti di cui fu protagonista l’Autore stesso, non ultimo il suo firmare, come schiavo, dei contratti in cui si sottoponeva completamente al volere delle sue padrone, purché esse, nei momenti di massima crudeltà, indossassero una pelliccia.
Un libro da leggere soprattutto se si vuole capire più da vicino la psicologia e i desideri dei masochisti (tutti “figli” di Sacher-Masoch da cui prendono il nome). Ad essere stimolata dalla lettura, infatti, sarà più la conoscenza intellettuale, che la voluttà.
_______

Twitter: @daniloruocco
_______

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.