Passa ai contenuti principali

La Universal rende omaggio al Maestro Alfred Hitchcock

Una foto promozionale di un
film di Hitchcock

Da oggi e fino al 22 settembre prossimo a Palazzo Reale di Milano è possibile visitare la mostra Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures.
Vengono esibite al pubblico una settantina di fotografie scattate sui set di celebri film del Maestro del brivido, da Psyco a La finestra sul cortile; da La donna che visse due volte a Gli uccelli (di cui quest’anno ricorre il cinquantenario).
Una mostra che nelle intenzioni della Universal Pictures (che l’ha curata) intende portare su pannello i “contenuti extra” che è possibile trovare nei DVD. Oltre alle foto di scena, quindi, in mostra è possibile vedere cinque filmati appositamente realizzati dal critico cinematografico Gianni Canova che illustrano il cinema di Hitchcock e ascoltare alcune delle colonne sonore che tanta parte hanno avuto nei film del Maestro inglese.
Proprio la sala dedicata alle colonne sonore, a parere di chi scrive, è quella che più riesce a emozionare il visitatore, in quanto gli richiama immediatamente alla memoria intere sequenze di film.
Basta, infatti, ascoltare la sigla iniziale di Psyco per “entrare” nel clima del film o udire “gli archi” della scena delle pugnalate sotto la doccia per rivederla nella memoria.
E che dire di Que sera sera? La canzone fu appositamente composta per L’uomo che sapeva troppo e il suo motivetto (oltre a essere diventato celebre in tutto il mondo) aiuta a spiegare uno dei grandi risultati di Hitchcock: riuscire, grazie al taglio delle inquadrature e alla mimica degli attori, a tenere in tensione lo spettatore anche mentre sullo schermo si canta una canzoncina innocente...
Canzoncina, poi, il cui testo potrebbe essere preso come manifesto del cinema di Hitchcock, specie quando recita «The future's not ours to see», ovvero, liberamente, «Non siamo padroni del Futuro, perché noi lo si possa vedere»... e, spesso, nei film del Maestro, uno dei personaggi sembra aver previsto il futuro (o sembra poterlo/volerlo modificare), ma un imprevisto modifica le aspettative...
Oltre alla sala dedicata alle colonne sonore, che è l’ultima, anche la sala che la precede è in grado di emozionare il visitatore: a tutta parete, infatti, viene proiettato un primo piano di Anthony Perkins in Psyco. Che brividi che dà quel volto che sembra sorriderci con fare innocente e timido... Che grande Maestro Hitchcock!
E quei brividi fanno pensare che, forse, il più grande omaggio che si può fare a un Maestro del cinema è rivederne i film.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.