Passa ai contenuti principali

Un romanzo scritto benissimo


Edito da Ded’A nel 2011 Sotto un sole nero di Ivano Mingotti è un libro scritto benissimo.
L’Autore procede per frasi brevi o brevissime e narra la storia di un Mondo dominato da un Ductor che impone il proprio volere con la violenza e il terrore. Un Ductor che è riuscito - grazie a procedimenti tecnici non svelati al popolo - a oscurare il Sole, rendendo il Mondo più buio e freddo, ma anche silenzioso, in quanto i cittadini hanno paura di parlare.
Ognuno pensa al proprio massacrante lavoro e a come arrivare a sera senza incorrere in sanzioni e punizioni. Ognuno pensa a proteggere se stesso e i propri cari dall’oscura e feroce violenza dei soldati dell’Ordine.
A ribellarsi non pensano che in pochi, sparuti individui.
Fino al giorno dell’inimagginabile. Il giorno in cui riappare il Sole. Il giorno della liberazione a opera di un nemico-liberatore di cui si ignorava perfino l’esistenza.
Ed è proprio il giorno della liberazione-invasione che viene narrato nei capitoli che compongono il romanzo.
Ogni capitolo è affidato a una voce narrante differente (una madre; un ragazzo omosessuale; una bambina; un soldato; un bambino; un gerarca...) che racconta in prima persona la propria misera vita; i dolori del corpo e dell’anima; le paure e la rivelazione della luce.
La luce del Sole.
Storie, le loro, che non sempre finiscono bene e lo rivela l’ultimo capitolo la cui voce narrante non appartiene a un personaggio identificabile (ovvero è quella di un narratore “esterno” alla storia) e si fa carico non solo di riannodare i fili della trama (seppure in forma dubitativa), ma anche di distendere le frasi: infatti la scrittura si fa meno frammentaria, più fluida e, così facendo, si stempera il senso di precarietà, di ansia che le frasi brevi dei precedenti capitoli erano riuscite a trasmettere al lettore.
Sotto un sole nero è un bel romanzo (breve), scritto benissimo da un vero scrittore: Ivano Mingotti.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.