Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

La danzatrice e lo scrittore

Il Novecento annovera almeno tre famose storie d’amore tra una danzatrice e uno scrittore: quella tra Isadora Duncan e Sergej Esenin; quella tra Maria Cumani e Salvatore Quasimodo (leggi Fuori non ci sono che ombre, e cadono) e quella tra Lucette Destouches e Luis-Ferdinand Céline. Di quest’ultima, la casa editrice Lantana ha pubblicato in Italia le memorie raccolte da Véronique Robert ed edite con il titolo Céline segreto. In qualche modo, è la stessa Lucette a dare una possibile spiegazione al perché due personalità artistiche all’apparenza così distanti come potrebbero essere uno scrittore e una danzatrice possano riconoscersi e amarsi: pur non razionalizzando e pur non usando i termini che si usano qui, la danzatrice, infatti, ricorda il continuo lavorio di Céline sulla parola, così simile al continuo lavorio della danzatrice sul proprio corpo; ricorda come per lo scrittore l’emozione fosse tutto e come lo è per una danzatrice che, attraverso la forma, cerca l’em…

Le lettere di un adolescente problematico

Ragazzo da parete di Stephen Chbosky edito nel 2006 da Frassinelli  (e ora riportato in libreria da Sperling & Kupfer con il titolo Noi siamo infinito) è un bel romanzo che non ha perso smalto con il passare degli anni. Protagonisti ne sono degli adolescenti americani legati da vincoli d'amicizia, le cui vicende sono raccontate da uno di loro: Charlie, il ragazzo da parete del titolo. Il titolo allude a quei ragazzi che, durante una festa, restano attaccati alla parete perché, timidi come sono, non partecipano alle danze. Charlie, che si racconta a un estraneo con una serie di lettere (il libro è, infatti, un romanzo epistolare) non si limita a non partecipare alle danze, ma non partecipa neppure alla vita. O, meglio, consapevole di  essersi fino allora limitato a osservare gli altri, si sforza di prendere parte alla vita frequentando un gruppo di adolescenti all’ultimo anno di liceo, mentre lui è al primo. Pian piano che il lettore “sfoglia” le lettere…