Passa ai contenuti principali

Una Serata senza pathos

Ieri sera, al Teatro Donizetti di Bergamo, è andata in scena la prima nazionale del balletto Soirée Ravel... Boléro su musiche di Maurice Ravel, la coreografia di Adriana Mortelliti e l’interpretazione dei danzatori del Balletto di Milano.
Lo spettacolo, forse perché ancora in fase di rodaggio, è parso piuttosto privo di quel pathos necessario a coinvolgere appieno lo spettatore. Le coreografie erano alquanto “insipide” ed è sembrato che non sapessero (o volessero) sviluppare alcuni spunti visivi interessanti, come, ne La Valse del secondo tempo, l’uso delle sedie che sarebbe potuto diventare motivo di movimenti originali da parte dei danzatori, ma sono rimaste... sedie.
Neppure l’esecuzione del Bolero ha dato una sterzata emotiva alla serata...
Per quanto riguarda l’esecuzione dei giovanissimi danzatori essa è apparsa, in alcuni casi, un po’ acerba, anche se il carattere prevalentemente corale delle coreografie ha impedito agli interpreti di poter mostrare individualmente il proprio reale valore. Unico danzatore di cui è possibile lodare la scioltezza ed eleganza di movimenti è Federico Veratti che, nel Daphnis et Chloé, ha ben caratterizzato il suo Pan.
Complessivamente la “Serata” è parsa un po’ un’occasione persa.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.