Passa ai contenuti principali

Un Voltaire di stringente attualità

Il Trattato sulla tolleranza scritto da Voltaire nella seconda metà del Settecento (nel 1763 per la precisione) è - ahinoi - ancora (o di nuovo) di stringente attualità.
Oggigiorno, parlare e invocare la tolleranza religiosa sembra non solo attuale, ma addirittura “rivoluzionario”. Infatti, sono troppe le confessioni religiose che si combattono l’un l’altra o che condannano e perseguitano coloro che non seguono i dettami da loro imposti.
Sul soglio pontificio, ad esempio, siede un papa che ha fatto della lotta al relativismo culturale una bandiera, a scapito, ovviamente, della tolleranza che è parente stretta del relativismo. Per non parlare di alcuni capi religiosi islamici che pare vedano nella distruzione delle altre confessioni religiose il loro obiettivo primario...
Tollerare, diceva Voltaire, invece, dovrebbe essere proprio di un religioso (che dovrebbe vedere nell’altro un fratello) e non solo del cittadino che segue la Ragionee che quindi sa che l’intolleranza è un male... Infatti, ricorda il filosofo, «la tolleranza non ha mai provocato guerre civili; <mentre> l’intolleranza ha coperto la Terra di carneficine».
Il Trattato sulla tolleranza di Voltaire, scritto con la verve tipica dell’Autore francese, prende le mosse da un fatto di cronaca (un errore giudiziario figlio dell’intolleranza religiosa) e, ripercorrendo brevemente la Storia dell’Occidente, dimostra come l’intolleranza religiosa sia da ripudiare, specie se si è un buon cattolico, nonostante i cattolici abbiano, invece, fatto di tutto per risultare i più intolleranti tra gli intolleranti2.
L’unica forma di intolleranza consentita è, per Voltaire, quella contro il fanatismo intollerante! Quel fanatismo che perseguita chi non è dello stesso credo, chi la pensa in modo differente. Un comportamento del tutto ingiustificabile, specie quando si parla di religione, «poiché non dipende dall’uomo, di credere o non credere». Mentre i cattolici fanatici che altro vorrebbero fare se non «sostenere coi carnefici la religione di un Dio ucciso dai carnefici e che non ha predicato se non la dolcezza e la rassegnazione?».
Un trattato, quello scritto da Voltaire, che andrebbe riletto spesso con attenzione, guardando ad esso non solo dal punto di vista della tolleranza religiosa ma della tollerenza in generale.

Il Trattato sulla tolleranza di Voltaire è disponibile su Amazon


1 «La ragione è giusta, è umana, ispira indulgenza, soffoca la discordia, consolida la virtù, fa amabile l’ubbidienza alle leggi anche più della forza che le mantiene».
2 «Lo dico inorridendo, ma è la verità: noi cristiani, proprio noi siamo stati persecutori, carnefici, assassini!» e ciò scrive nel capitolo in cui Voltaire sostiene che i primi martiri cristiani non furono perseguitati dai Romani per motivi religiosi o di pensiero, ma per motivi politici e/o in quanto essi (i martiri) dimostrarono di essere intolleranti verso le altre confessioni religiose, atteggiamento intollerabile per i Romani che furono sempre tolleranti verso qualsiasi credo religioso.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.