Passa ai contenuti principali

Tra giornalismo e arte: gli scatti di Annie Leibovitz

Raccontare la vita di un’artista in un documentario non è facile, perché essa è un mix inevitabile tra il mero dato biografico e la sua opera. Un intreccio, a volte, inestricabile.
Nel caso di una fotografa come Annie Leibovitz questo è, forse, ancora più “vero”, nel senso che la Leibovitz ha raccontato con le sue immagini la vita degli altri (praticamente di tutti coloro che contano), ma anche la sua, fotografando i membri della sua famiglia.
Scatti, quelli della Leibovitz, che uniscono, in un tutt’uno che è la sua cifra stilistica, il rigore di un reportage giornalistico con l’estro della creatività artistica. Una miscela esplosiva quanto comunicativa: ogni scatto della Leibovitz è un racconto, un «flash poetico», come è stato detto.
Il documentario firmato da Barbara Leibovitz Obiettivo Annie Leibovitz mandato in libreria da Feltrinelli (assieme al volumetto Dietro una lente scritto da Luca Scarlini) riesce a dare una buona idea di quella che deve essere la vita frenetica e creativa della Leibovitz; dei suoi set, ma anche della quotidianità della sua casa.
La documentarista intervista sia la fotografa, sia i soggetti delle di lei fotografie, mostrando immagini di repertorio e gli scatti celebri dei celebri immortalati dalla Leibovitz.
Il tentativo è quello di entrare nella bottega creativa dell’artista, per svelarne i segreti creativi; non mancando di ritrarne anche la dimensione privata e affettiva.
Ecco, allora, che il documentario si snoda tra i lavori realizzati per la rivista di musica rock “Rolling Stones” e quelli per la rivista patinata di celebrities “Vanity Fair”; tra gli scatti a Sarajevo durante la guerra e quelli che ritraggono Susan Sontang (compagna di vita della Leibovitz) durante la fase terminale della di lei malattia. Il tutto con un ritmo narrativo sostenuto, ma che riesce a non essere mai superficiale.
Un documentario ben fatto che merita di essere visto da coloro, e sono tanti (e chi scrive è uno di loro), che amano le fotografie di Annie Leibovitz.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.