Passa ai contenuti principali

La follia del tradito

Le persone assennate sanno che la fedeltà coniugale esiste solo nelle prediche dei parroci. Le altre, invece, credono davvero che un rapporto coniugale debba basarsi sulla fedeltà dei corpi e, quando scoprono che, in realtà, il loro partner li tradisce, crollano, venendo loro a mancare le basi su cui hanno costruito la loro vita di coppia.
Una di tali persone è il protagonista del nuovo romanzo di Luca Grandelis, Ho riscritto per te il destino, edito in formato digitale da e-Text progetto editoria diffusa e disponibile nella più importanti librerie online. 
Si tratta di un giallo abbastanza sui generis: al lettore, infatti, per tutta la prima metà del libro, non viene detta la natura precisa del crimine commesso, ma gli vengono sottoposti solo alcuni dettagli.
Il romanzo, invece, passando tra ciò che si è svolto nel passato e ciò che si svolge nel presente narrativo, si incarica di ricostruire minuziosamente la psicologia e le esperienze di vita di Edoardo, ossia del marito tradito. Un uomo solo che ha paura della solitudine. Un uomo che affida il proprio futuro alla moglie. Un uomo che, quando scopre che la moglie ha un altro, perde completamente la ragione e architetta una vendetta spropositata contro il rivale che, per non guastare al lettore il piacere della scoperta, non pare il caso di riferire qui diffusamente.
Una vendetta che, nella sua mente distorta, si tramuta in giustizia e finisce per coinvolgere anche persone che nel passato remoto gli hanno fatto, direttamente o indirettamente, un torto.
Il racconto è condotto con una tale perizia che solo a metà del romanzo il lettore di avvede che non tutto ciò che ha letto riguarda Edoardo e, quando capisce “il gioco” narrativo, invece che disinteressarsi alla trama, resta ulteriormente avviluppato dalla rete tesa dal narratore, fino a quando, sul finale, ogni nodo viene sciolto.
Una lettura piacevole che si consiglia non solo agli amanti del genere giallo.



P.S. Luca Grandelis collabora con Amleto.tk doppiando con la sua voce i post pubblicati. La recensione al suo libro non è stata influenzata da tale collaborazione, ma è rimasta obiettiva e imparziale.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.