Il coraggio di esserci

Green Book di Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali è un gran bel film che parla di razzismo, stereotipi, diritti civili e amicizia.
La pellicola racconta i due mesi di tournée nel profondo Sud degli Stati Uniti degli anni Sessanta del pianista e compositore Don Shirley che, temendo di subire ritorsioni da parte dei razzisti del luogo (essendo lui un uomo di colore), ingaggiò come autista (facente funzione di guardaspalle) l’italo-americano Frank Vallelonga (padre di uno degli sceneggiatori del film).
Durante il viaggio tra uno Stato e l’altro del profondo Sud degli U.S.A. i due uomini - benissimo interpretati da Mortensen (nel ruolo dell’italo-americano) e Ali (in quello del pianista) - imparano a conoscersi e tra loro nasce un’amicizia sincera in grado di durare negli anni.
Raccontando la loro storia, il film, tra le altre cose, mostra allo spettatore in modo plastico la differenza che passa tra lo stereotipo e il razzismo. Il primo è un’opinione frutto di pregiudizio che,…

Salvatore Quasimodo e il Teatro Greco


Nel 1948 Salvatore Quasimodo divenne titolare della rubrica di critica drammatica del settimanale “Omnibus”. Proprio in quell’anno, spinto dalla curiosità di ascoltare la traduzione di Manara Valgimigli della trilogia eschilea, decise di affrontare un viaggio non facile nell’Italia postbellica e si recò a Siracusa per assistere agli spettacoli che si svolgevano al Teatro Greco.

Continua su Salvatore Quasimodo

Commenti