Passa ai contenuti principali

La cultura non si finanzia a spese della cultura


Parto da quanto scritto da Pierluigi Battista su “Style” di questo mese. Il suo articolo Muore Pompei trionfano i premiucoli mi è sembrato di una pochezza preoccupante.
In poche parole, il noto giornalista propone, muovendo da quanto considerato da Giorgio Israel, di sopprimere premi, festival, fiere ecc. a favore del mantenimento dei nostri beni culturali. Alla lettera l’editorialista del “Corriere della Sera” scrive:
Se un festival in meno liberasse risorse per qualche restauratore in più, per una manutenzione più accurata, per un controllo più minuzioso della cultura nazionale?
Una domanda, quella di Battista, che crea sconcerto per più di un motivo.
Innanzitutto la protosta sottintende il fatto che tutto quanto si faccia oggi in nome della cultura, non sia affatto un’azione culturale, ma, quando va bene, un piacevole diversivo, un balocco costoso per chi produce e chi consuma l’evento. Solo il passato sarebbe cultura. Una sciocchezza che si commenta da sé.
Il giornalista, poi, sembra ignorare che ciò che propone di sopprimere, spesso è un forte richiamo turistico per moltissimi paesi del nostro territorio, con quello che questo significa per le economie di quei medesimi luoghi.
Non si nega che ci possano essere sprechi anche nella creazione di tali eventi culturali, ma si deve intervenire là dove gli sprechi vengano ravvisati e non sull’intero settore!
Inoltre, Battista finge di non sapere che la produzione di cultura è la vera anima di un Paese ed essa non va uccisa in nome del mantenimento della cultura già prodotta! Sarebbe come dire che in nome di quanto scoperto finora nel campo della medicina, si togliessero i finanziamenti alla ricerca scientifica!
Inutile dire, invece, che andrebbero tagliati gli sprechi, i privilegi e le spese assurde che lo Stato si impegna a fare in nome non si sa bene di chi e di cosa. Che dire, ad esempio, di certe folli spese militari? E di altre e più vergognose spese di “rappresentanza” di certi rappresentanti del popolo?
Ma la verità è ben altra. Oggi in Italia (a differenza di quanto accade in altri paesi europei) non ci si preoccupa di finanziare il mantenimento della cultura (e meno ancora la produzione di cultura) perché la cultura – a chi oggi decide in Italia – fa paura. Fa paura perché la cultura è identità forte, perché è pensiero critico, è libertà.
Ciò detto, bisogna agire in fretta sia per salvare il nostro patrimonio culturale, sia per alimentarlo con nuova linfa. Lo impongono (a dispetto di quanto va assicurando il Ministro Sandro Bondi) le cronache di questi giorni. Lo impone il rispetto per l’umanità presente e futura.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.