Passa ai contenuti principali

Source code




È disponibile in DVD Source code di Duncan Jones con Jake Gyllenhaal.
Il film, di genere fantascientifico, descrive come il protagonista riesca a modificare il presente, conoscendo esattamente ciò che è successo nel passato. 
Infatti, il protagonista viene spedito ripetutamente negli otto minuti che precedono un attentato terroristico avvenuto su un treno, al fine di scoprire l’identità dell’attentatore. Lo scopo di chi gestisce l’esperimento è di poter modificare gli eventi nel presente: infatti, conosciuta l’identità del terrorista, si potrà evitare che egli commetta un altro e più efferato attentato (ossia far esplodere una bomba nucleare). 
Chi ha progettato l’esperimento, non ha pensato, però, che, conoscendo le informazioni giuste, può essere modificato non solo il presente, ma anche il passato. 
Modificare il passato è, infatti, ciò che vuole tentare di fare il protagonista: non solo, dunque, evitare che venga commesso il secondo attentato, ma cancellare dal presente anche il primo attentato già avvenuto.
In altre parole, se si hanno le informazioni giuste si possono modificare gli eventi, non solo quelli che devono ancora avvenire, ma anche quelli già avvenuti...
Tutto il film è centrato sul ripetersi delle azioni: quelle dei viaggiatori vittime dell’attentato e quelle del protagonista che indaga per scoprire chi sia il terrorista. Azioni che, di volta in volta, cambiano impercettibilmente e/o in modo macroscopico, ma generano una sequenza che sembra destinata a concludersi sempre nella stessa maniera, ovvero con l’esplosione del treno...
Un film che va visto con attenzione, perché pieno di dettagli che, invece, mostrano come il passato muti di volta in volta che le sequenze/azioni cambiano...
Molto convincente (come sempre) l’interpretazione di Jake Gyllenhaal, affiancato dalle brave Michelle Monaghan (nel ruolo di Christina, una passeggera del treno) e Vera Farmiga (nel ruolo dell’ufficiale di collegamento che gestisce l’esperimento).



Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.