Passa ai contenuti principali

La relazione atipica tra Holmes e Watson


Sherlock Holmes. Gioco di ombre firmato da Guy Ritchie con Robert Downey Jr. (nel panni di Holmes) e Jude Law (in quelli di Watson) dà seguito alla prima avventura portata sullo schermo dal regista e dai due attori. Il pericolo di cadere nella stanca ripetizione era in agguato, ma il nuovo film è, non solo sicuramente degno del primo, ma, forse, addirittura superiore. 
Il fatto è che, ormai, gli spettatori conoscono la rilettura dei personaggi voluta dal regista e questi ha potuto farne un approfondimento, non mancando di aggiungere un personaggio in più che ha dato un tocco di novità e piacevole sorpresa alla trama: “l’altro Holmes”, ovvero, il fratello maggiore di Sherlock, impersonato dal grande Stephen Dry, indimenticabile protagonista del film Wilde.
L’avventura in cui sono coinvolti Holmes e Watson è resa sullo schermo in modo assai dinamico: i due ricordano (con richiami visivamente espliciti) i protagonisti di Mission Impossible e di James Bond (specie nella sequenza del castello svizzero). Ciò, però, non impedisce al regista di sviluppare la “relazione atipica” (così come la definisce Holmes nel film) tra i due amici: superato lo shock causato dal matrimonio dell’amico, Holmes riesce a ristabilire un legame forte con Watson. I due, tra l’altro, sembrano dichiarare molto platealmente il loro legame nella sequenza del ballo nel castello, durante la quale non hanno alcuno scrupolo a danzare assieme (non causando alcun tipo di reazione sdegnata o divertita tra i presenti)... Precedentemente, Watson era, lottando, finito tra le cosce di Holmes travestito da donna... Chiari, espliciti, riferimenti al fatto che il loro legame va oltre la semplice amicizia... Una fisicità, la loro, che è cementata da un sentimento forte che, porta il dottor Watson a una reazione assolutamente non professionale (ma da “vedova”) quando crede che Holmes sia morto.
Notevole, poi, il fatto che Holmes, in questo film, commetta un errore di valutazione macroscopico che gli impedisce di salvare diverse vite umane. Un errore che lo rende, paradossalmente, più umano agli occhi del pubblico.
Un film di cui si consiglia la visione anche per le ottime prove di attori dei due protagonisti, spalleggiati da un cast tutto all’altezza.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.