Passa ai contenuti principali

Il Pianeta delle scimmie. Appunti sulla saga

Non molto tempo fa, in edicola è uscito un cofanetto con i 6 DVD della saga del Pianeta delle scimmie.

Ho visto i film e ho preso degli appunti che, finora, non si sono tradotti in un testo compiuto. Pubblico qui gli appunti, divisi per film.

1) Il Pianeta delle scimmie
  • Film pro rispetto dell’ambiente e antimilitarista, soprattutto contro l’uso e lo sviluppo dell’armamento atomico.
  • Contro ogni dogmatismo e per un sapere scientifico indipendente dal potere politico e religioso.
  • Mostra come gli uomini trattano male gli animali, mettendo al posto degli animali gli uomini.
  • Mostra come gli uomini che credono di essere intelligenti, in realtà siano stupidi, in quanto si fanno la guerra e costruiscono armi di distruzione di massa.
2) L’altra faccia del Pianeta delle scimmie
  • Sul pianeta ci sono anche degli esseri umani che comunicano con il pensiero e sono capaci di indurre negli altri stati allucinatori.
  • Dicono di essere contro la violenza, ma adorano una bomba atomica e sanno indurre gli altri alla violenza. Sono, quindi, uomini evoluti (perché hanno poteri che altri non hanno), ma sono pur sempre esseri non intelligenti, tanto è verto che, per sconfiggere le scimmie, non esitano a usare la bomba.
3) Fuga dal Pianeta delle scimmie
  • Un gruppetto di scimmie fugge dal Pianeta con un astronave e tornano sulla Terra del passato.
  • Vengono accolti con onore e favori, ma, poi, si scopre che nel futuro le scimmie domineranno sugli uomini e l’atteggiamento nei loro confronti muta radicalmente.
  • Lei ha un figlio e, per proteggerlo dalla malvagità degli uomini, non esita a scambiare il proprio figlio con quello della scimmia del circo.
  • Film sul tentativo di modificare il futuro e su come gli uomini di oggi non siano diversi dalle scimmie di domani (quelle descritte nei film precedenti). Il futuro, però, pare immodificabile.
4) 1999 Conquista della Terra
  • Nonostante il titolo, la storia si svolge nel 1991.
  • Cesare, figlio sopravvissuto delle due scimmie venute dal futuro (nel film precedente), ha ormai 20 anni.
  • Gli uomini, privati - a causa di un’epidemia - dei loro animali domestici (cani e gatti), li hanno sostituiti con le scimmie che sono riusciti ad addomesticare e ridurre in schiavitù.
  • Siccome tra le scimmie ci sono anche dei ribelli, il sistema repressivo di polizia si è fatto totalizzante.
  • Cesare, morto il padre adottivo, si mette a capo dei rivoltosi e vince la battaglia contro gli uomini.
  • Le scimmie vincitrici dimostrano di essere guidate da sentimenti di “umanità” anche nei confronti dei loro avversari.
5) Anno 2670 Ultimo atto
  • Una vecchia scimmia racconta il passato:
  • Cesare ha sconfitto gli umani e creato una colonia di scimmie guidata dall’imperativo che non si ammazzano le altre scimmie.
  • Contro Cesare, però, c’è lo scimpanzè/militare che vuole prendere il potere.
  • Gli umani sono tenuti come servitori.
  • Esistono degli umani anche nella zona proibita (per le scimmie) e Cesare lo scopre quando vi si reca per conoscere il futuro, guardando i nastri registrati delle deposizioni dei suoi genitori alla commissione istituita nel film n. 3.
  • Gli umani che vivono nella zona proibita sono violenti e attaccano la colonia delle scimmie.
  • Le scimmie vincono la battaglia e Cesare decide di vivere in pace con gli umani superstiti. Il futuro, descritto nei film 2 e 3, è cambiato.
6) Planet of the Apes
  • Futuro umano: nella stazione orbitante le scimmie sono usate come sostituti dei piloti nelle missioni pericolose. Una delle scimmie, la più dotata, viene inviata a perlustrare una tempesta magnetica. Si perde e il capitano dei piloti la segue nel tentativo di riportarla alla stazione orbitante.
  • Il capitano, nella tempesta magnetica, viene catapultato nel futuro, dove le scimmie comandano.
  • Gli uomini, a differenza di quanto avveniva nel film 1, in tale futuro parlano, anche se sono tenuti dalle scimmie come servitori.
  • Il capitano incontra una scimmia/ambientalista che lo aiuta a fuggire.
  • Lui diventa l’uomo delle stelle che guida la rivolta umana.
  • Si scopre che sia le scimmie, sia gli umani, sono i discendenti di coloro che erano nella stazione orbitante da cui il capitano e la scimmia/pilota provengono.
  • Alla fine della battaglia, uomini e scimmie decidono di vivere in pace.
  • Il capitano riparte con la navetta della sua scimmia/pilota (quella che era partita dalla stazione orbitante prima di lui) e arriva sulla Terra. La trova dominata dalle scimmie.
  • Assieme al film 1, questo è il più bello della saga.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.