Il coraggio di esserci

Green Book di Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali è un gran bel film che parla di razzismo, stereotipi, diritti civili e amicizia.
La pellicola racconta i due mesi di tournée nel profondo Sud degli Stati Uniti degli anni Sessanta del pianista e compositore Don Shirley che, temendo di subire ritorsioni da parte dei razzisti del luogo (essendo lui un uomo di colore), ingaggiò come autista (facente funzione di guardaspalle) l’italo-americano Frank Vallelonga (padre di uno degli sceneggiatori del film).
Durante il viaggio tra uno Stato e l’altro del profondo Sud degli U.S.A. i due uomini - benissimo interpretati da Mortensen (nel ruolo dell’italo-americano) e Ali (in quello del pianista) - imparano a conoscersi e tra loro nasce un’amicizia sincera in grado di durare negli anni.
Raccontando la loro storia, il film, tra le altre cose, mostra allo spettatore in modo plastico la differenza che passa tra lo stereotipo e il razzismo. Il primo è un’opinione frutto di pregiudizio che,…

Cacciatore di storie


Ieri sera il Teatro Sociale di Bergamo ha ospitato il monologo di Vincenzo Mollica Prima che mi dimentichi di tutto. Si tratta di una conversazione nella quale il noto giornalista del TG1 racconta la sua carriera, centrando il suo discorso soprattutto sugli incontri che lo hanno segnato di più, rivelandosi determinanti anche per la sua crescita umana, oltre che per la carriera.
Molti, moltissimi, sono i personaggi famosi con i quali Mollica è venuto in contatto, anche perché le passioni che hanno guidato l’opera e la vita del giornalista sono molte e spaziano nei più diversi campi della cultura: dal fumetto alla letteratura, dal cinema alla musica.
Di tutti i personaggi che nomina, Mollica fa un ritratto veloce e ricorda un aneddoto particolare legato alla di lui personale esperienza. Di alcuni di essi, però, il “cacciatore di storie” (così Mollica si auto-definisce) traccia un ricordo affettuoso: di Lello Bersani (che gli fece dono dei propri contatti); di Federico Fellini (che lo seguiva in sala di montaggio prima della messa in onda del TG e gli dava sempre utili consigli); di Alda Merini (che gli dettava le poesie al telefono) di Enzo Biagi (che lo volle con sé a Linea Diretta).
Un monologo, quello di Mollica, pieno e gustoso, ma, non essendo il giornalista un attore, dalla fruizione un po’ faticosa, in quanto il dire di Mollica è un po’ monocorde.

Serata, ad ogni modo, piacevole e partecipata dal pubblico in sala che non ha mancato di rivolgere al giornalista diverse domande.

Commenti