Passa ai contenuti principali

La rete delle convenzioni


È stato presentato ieri sera in prima nazionale al pubblico del Festival Danza Estate Il lago dei cigni di Laura Corradi. Si tratta di uno degli spettacoli più belli degli ultimi anni nel quale si racconta l’ipotetico seguito del noto balletto musicato da Pëtr Il'ič Čajkovskij.

Nel testo della Corradi, musicato da Fabio Basile, l’azione si svolge durante la festa di nozze tra il Principe Siegfried e Odette. Qualcosa, però, turba il Principe e il suo disagio si esprime attraverso una gestualità a scatti e una difficoltà a mantenere la posizione eretta.

Il Principe non è solo nel suo disagio: anche altri invitati, infatti, lasciano le stanze del palazzo dove si sta svolgendo la festa (che il pubblico non vede, ma sente) e si uniscono a lui. Assieme tentano di capire l’origine del disagio e il modo di superarlo.

Ciò che impedisce al gruppo essere felice è l’impossibilità di volare: rotto l’incantesimo e lasciate le sembianze di cigno, il gruppo rimpiange il piumaggio che gli consentiva di librarsi nell’aria.

Se durante l’incantesimo erano ingabbiati in una forma che non era la loro, ora, di nuovo, si sentono ingabbiati, per l’impossibilità di spiccare il volo. Il lago, quindi, li trattiene ancora e la scena (di Alberta Finocchiaro) lo dice espicitamente: il boccascena, infatti, è delimitato da una rete.

Ma il Principe ha un motivo in più per essere infelice: lui amava Odette quando lei era un cigno bianco dal collo lungo. Ora non la ama più...

A tenere fermi al suolo gli ex cigni e il Principe sono anche (e, forse, soprattutto) le convenzioni sociali, i dictat cui devono adattarsi nella loro nuova natura. Dictat che vengono ripetuti ossessivamente da ognuno di loro. Dictat a cui bisogna trovare il coraggio di ribellarsi.
E la ribellione avviene.

A dare corpo e voce allo spettacolo della Corradi cinque danzatori bravissimi: lo strepitoso ed elegante Davide Valrosso (il Principe), gli ottimi Roberto Orlacchio e Midori Watanabe, e le assai brave Carlotta Plebs ed Emanuela Bonora.
I loro gesti richiamavano quelli eleganti e fluidi dei cigni, ma anche quelli trattenuti e sincopati delle persone che vivono un disagio profondo.

Lunghi e meritati applausi finali.
Spettacolo da non mancare.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.