La vita peccaminosa di Caravaggio

Tutti i miei peccati sono mortali di Giuliano Capecelatro edito nel 2010 da il Saggiatore è un saggio su Caravaggio che ha molto del romanzo. In esso, infatti, l’Autore narra la vita e le opere di Caravaggio facendo diventare il pittore un vero e proprio personaggio: ne narra non solo le azioni, ma anche i pensieri, i sentimenti, le paure, gli stati d’animo e le intenzioni.
Per calarsi nella mente del grande Maestro il saggista parte dai rari dati documentali (verbali di tribunale; diari di committenti e mercanti d’arte; note biografiche redatte da pittori contemporanei) e dai capolavori dipinti e traccia un convincente profilo psicologico. Ne esce la figura di un uomo tormentato; dal carattere difficile; incline alla rissa (e non si dimentichi che arrivò a uccidere un uomo); amante del bicchiere e attratto sessualmente sia dalle ragazze, sia dai ragazzini (tra cui Mario Minniti e Cecco del Caravaggio).
Una narrazione, quella di Capecelatro, vivace e felice specie nelle descrizioni d’ambi…

Una serata sprecata


Ieri sera al Teatro Sociale di Bergamo è stato presentato al pubblico cittadino Made in Italy di e con Valeria Raimondi ed Enrico Castellani.
Si tratta di un testo che riunisce una serie di elenchi di frasi, modi di dire, tic verbali spesso assai banali.
Tali elenchi non vengono recitati dai due autori/interpreti, ma da loro scandidi con tono di voce monocorde.
Intervallano i vari elenchi alcuni stacchi musicali.
Il tutto non produce un testo/spettacolo che abbia un senso.
Non dà neppure vita a uno spettacolo in cui sia palese una qualche forma di ricerca artistica/espressiva.
Il tutto, in ultima analisi, non vale il costo del biglietto.

Commenti