Passa ai contenuti principali

Il lieto fine è obbligatorio


Ieri sera al Teatro Donizetti di Bergamo è andato in scena il musical Bollywood Love Story di Sanjoy K. Roy (anche regista) e le coreografie di Gilles Chuyen.
Si tratta di uno spettacolo piacevole, frutto del sincretismo tra le tecniche espressive del genere made in USA (il musical, appunto) e la cultura della tradizione indiana.
La storia narrata dallo spettacolo è banalmente funzionale: lui si innamora di lei. Il loro amore è contrastato dal padre di lei che fa rapire lui. Lui riesce a fuggire e chiede a lei di sposarlo. Lei accetta e, alla fine, anche il padre di lei accetta il matrimonio tra i due...
Una storia con il lieto fine tipico dei film di Bollywood, narrata con i mezzi espressivi tipici del musical.
Un linguaggio, quello del musical, moderno e dinamico, usato, però, per veicolare gli elementi della tradizione indiana. Elementi che non stonano: il modernismo occidentale è usato, dunque, sapientamente senza che emergano apparenti contraddizioni.
Una tradizione (quella indiana) che, ad esempio, dà grande importanza alla ritualità e pare mettere la donna in secondo piano rispetto all’uomo (non è un caso che nella storia la protagonista, praticamente, non agisce: ella è solo l’oggetto dell’amore del protagonista ed esiste solo in funzione dell’amore di lui).
Messaggi che arrivano precisi nonostante il cast canti in lingua originale e i dialoghi (un misto tra italiano e inglese) siano inesistenti. La lingua usata dagli interpreti, infatti, è quella universale della danza. I loro movimenti sono immediatamente comprensibili e fanno, ad esempio, dell’uomo l’immagine del dinamico combattente e delle donna la preda accondiscentente e, a volte, sensuale (specie quando la scena si svolge all’interno di un luogo dove i maschi vanno a divertirsi).
Una danza che è anch’essa un mix sapiente di movimenti tipici delle danze indiane e di altri più vicini alla tradizione occidentale, specie di quella hip hop.
Spettacolo piacevole anche se a tratti si ha la sensazione che manchi qualcosa, che il tutto sia stato confezionato per un pubblico da crociera marittima.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.