Passa ai contenuti principali

Il mal di vedova si cura a letto

Ieri sera, nel giorno della Festa della donna, è andato in scena al Teatro Donizetti di Bergamo lo spettacolo Dona Flor e i suoi due mariti tratto dal fortunato romanzo di Jorge Amado.  Si tratta, sostanzialmente, di uno spettacolo di donne in cui gli uomini, per una ragione o per l’altra, non giocano una partita fondamentale, ma restano un po’ sullo sfondo.
La drammaturgia e la regia erano firmate da Emanuela Giordano che ha composto uno spettacolo dai ritmi serrati, gradevole, comico senza essere sguaiato.
La storia è presto detta: Dona Flor resta vedova del primo marito (un uomo dedito a piaceri sregolati) e, dopo un anno, si risposta con un altro uomo (tutto ordine e regolarità). La donna riesce a raggiungere la felicità solo quando nel nuovo talamo nuziale si materializza anche il primo marito: in tal modo potrà godere dei due uomini e di ciò che ognuno di loro le dona: la stabilità il secondo marito; la fantasia erotica il primo.
Accanto a Dona Flor, e in suo favore, agiscono le sue amiche-vicine di casa che si adoperano affinché Dona Flor possa tornare alla vita dopo il lutto che l’ha colpita. Il loro agire è mosso dalla convinzione che “il mal di vedova si cura a letto” e, quindi, fanno in modo che la loro amica possa trovare un secondo marito che le tolga la tristezza della vedovanza, una tristezza che passa anche dall’inattività sessuale.
Portare sulle scene un romanzo non è mai semplice, ma Emanuela Giordano è stata convincente, non solo dal punto drammaturgico, ma anche perché, come regista, si è affidata alla bravura degli interpreti. Spiccano le quattro comprimarie: le tre amiche e la madre di Dona Flor che hanno tenuto vivo il filone comico dello spettacolo. I tre protagonisti, invece, per ragione di copione, hanno dovuto alternare momenti comici (quelli più graditi dal pubblico) a momenti più patetici, nei quali la protagonista viveva la sua stretta vedovanza.
Nel ruolo del titolo c’era Caterina Murino. In quello del primo marito Max Malatesta e in quello del secondo marito un trascinante Paolo Calabresi. Con loro vanno ricordate le quattro donne “del coro”: Simonetta Cartia, Claudia Gusmano, Serena Mattace Raso e Laura Rovetti.
Le musiche erano eseguite dal vivo dalla Bubbez Orchestra.
Spettacolo da vedere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.